Home Concorsi Concorso straordinario secondaria, uno dei tre anni di servizio deve essere specifico

Concorso straordinario secondaria, uno dei tre anni di servizio deve essere specifico

CONDIVIDI

In attesa dell’incontro fra Miur e sindacati, proseguiamo le risposte alle domane più frequenti in merito al concorso docenti 2020 riservato alla scuola secondaria. In questo articolo, ci occupiamo di un aspetto preciso: “che vuol dire che per accedere al concorso bisogna che uno dei tre anni di servizio sia specifico?”

Concorso docenti 2020 scuola secondaria: anno specifico di servizio

Come prevede il decreto scuola convertito in legge, potranno partecipare, al concorso scuola straordinarioi docenti in possesso dei seguenti requisiti:

Icotea
  • almeno tre anni di servizio nella scuola secondaria statale (anche su sostegno) dal 2008/2009 al 2018/2019. Chi conclude la terza annualità nel 2019/2020 partecipa con riserva
  • uno dei predetti tre anni deve essere specifico, ossia svolto nella classe di concorso per cui si partecipa.
  • Potranno partecipare, anche se solo ai fini dell’abilitazione, i docenti che hanno maturato il servizio di tre anni nella scuola paritaria.

Per i posti di sostegno è necessario avere, oltre ai seguenti requisiti di servizio, la specializzazione sul sostegno.

Il secondo punto riguarda appunto l‘anno specifico: per partecipare al concorso docenti 2020 scuola secondaria bisogna dimostrare di aver svolto almeno un anno di supplenza su quella classe di concorso per cui si intende partecipare. Facciamo un esempio: se un candidato vuole partecipare al concorso scuola straordinario per la classe di concorso X, può farlo se ha svolto anche un solo anno di supplenza per la classe di concorso X e gli altri due anni sulla classe di concorso Y.

Per quanto riguarda invece l’accesso per i posti di sostegno, il candidato, oltre a possedere il titolo di specializzazione sul sostegno, potrà partecipare al concorso facendo valere due anni di supplenza in una classe di concorso X e un anno di supplenza su posto di sostegno.

Al momento non è chiaro come possa essere valutato il servizio di tre anni interamente sul sostegno per chi volesse accedere al concorso per i posti comuni. Si attendono, da questo punto di vista, chiarimenti proprio dai tavoli tecnici fra amministrazione e sindacati.

Concorso scuola straordinario secondaria: la procedura

La procedura per l’immissione in ruolo si baserà su più passaggi:

Prima si svolgerà, come accennato in precedenza, il concorso scuola 2020, che vedrà una prova selettiva computer based che si supera con un punteggio minimo di 7/10; Le graduatorie di merito saranno redatte sommando i punteggi dei titoli culturali e di servizio posseduti più il punteggio ottenuto nella prova selettiva.

Successivamente si procederà all’assunzione in ruolo secondo la posizione in graduatoria.

I docenti assunti saranno ammessi all’anno di prova e di formazione (180 giorni di servizio e 120 di attività didattica)  durante il quale, se ne sono sprovvisti, dovranno acquisire 24 CFU a carico dello Stato.

Al termine di tale periodo, per ottenere la conferma in ruolo, dovranno essere valutati dal comitato di valutazione della scuola dove prestano servizio, integrato da un componente esterno.

Nel caso in cui non si dovesse superare per due volte (considerato che il periodo di prova è ripetibile) la prova orale prevista al termine del periodo di prova, il contratto di assunzione è risolto.

Le assunzioni dei vincitori potranno continuare anche dopo il suddetto periodo, perché la graduatoria di merito è ad esaurimento.

I posti saranno suddivisi tra posti comuni e posti di sostegno.

 

TUTTO SUL CONCORSO STRAORDINARIO

Leggi anche

 

Concorso docenti 2020, si può partecipare sia all’ordinario che allo straordinario: ecco come
Concorso straordinario docenti, i requisiti per accedere ai posti di sostegno
Concorso straordinario secondaria, si ottiene l’abilitazione all’insegnamento. Ecco come
Concorso scuola straordinario, procedura semplificata: solo una prova computer based