Home Pensionamento e previdenza Confsal lancia diffida al Governo sul mancato Tfr/Tfs agli statali

Confsal lancia diffida al Governo sul mancato Tfr/Tfs agli statali

CONDIVIDI

Massimo Battaglia, segretario generale della federazione Confsal-UNSA, è stato chiaro:  “L’anticipo di 45 mila euro sul Tfr/Tfs dei dipendenti pubblici è un prestito fatto da banche con interessi a carico dei lavoratori, non l’erogazione, come dovrebbe essere, di un diritto maturato in più di 40 anni di contribuzione. I lavoratori pubblici continuano a essere truffati da un datore di lavoro che non eroga il loro Tfr/Tfs in termini accettabili”.

Diffida al capo del governo

E infatti, per tale motivo, fa sapere un comunicato del sindacato,  l’avvocato di fiducia dell’organizzazione, ha depositato, per conto proprio dell’Unsa e a difesa dei lavoratori pubblici, una diffida al governo in cui si intima un intervento urgente di sistemazione della materia in modo completamente diverso rispetto al prestito bancario.

Per Battaglia “l’anticipo di 45 mila euro del Tfr/Tfs è una bufala. Vi sono banche convenzionate che con una normale operazione di cessione del credito già offrono anticipi a tassi inferiori. Salvini, vice premier del Governo, non dice che al Ministero dell’Interno il Banco BPMSpa riconosce ai lavoratori della polizia di Stato e al personale civile del Dipartimento della pubblica sicurezza l’anticipo del Tfr al tasso dell’1% fisso”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Risolvere la questione alla radice

“La questione va risolta alla radice e il Governo è chiamato a farlo e a farlo, si spera, in modo equanime. Dopo più di 40 anni di lavoro, il dipendente pubblico deve avere a disposizione il proprio Tfr/Tfs subito, senza interessi e per la cifra intera cui ha diritto avendo versato puntuali contributi durante l’intera carriera lavorativa” conclude il segretario.

Le sentenze

Si ricorda che la Corte Costituzionale, con sentenza 159/19 sul ricorso dell’UNSA contro il differimento e la rateizzazione del Tfr, ha dichiarato di non poter “esimersi dal segnalare al Parlamento l’urgenza di ridefinire una disciplina non priva di aspetti problematici, nell’ambito di una organica revisione dell’intera materia, peraltro indicata come indifferibile nel recente dibattito parlamentare”, e ha sottolineato che la recente introduzione di norme sul finanziamento anticipato del Tfr “non altera i termini delle questioni”.