Home Archivio storico 1998-2013 Generico Conitp: ribadita la validità dell’a.s. 2012/2013 per i requisiti di accesso ai...

Conitp: ribadita la validità dell’a.s. 2012/2013 per i requisiti di accesso ai Pas

CONDIVIDI
  • Credion
Il 13 ottobre il Conitp (Sindacato nazionale scuola autonomo) ha avuto un incontro con il direttore generale del Miur Luciano Chiappetta, il quale – secondo quanto riportato in un comunicato del Conitp – ha chiarito che per il momento le Direzioni regionali stanno iniziando ad esaminare i requisiti di accesso dei candidati che hanno presentato domanda di partecipazione ai Pas, riscontrando diversi problemi per chi ha inserito l’anno scolastico 2012/2013 ai fini dei 3 anni di servizio utili per partecipare ai percorsi abilitanti speciali.
Infatti – prosegue il comunicato del Conitp – ci sono circa 2500/3000 domande che vanno verificate dagli Usr perché incomplete o trascritte male.
In merito, il direttore generale del Miur ha informato il presidente del Conitp Crescenzo Guastaferro, che il requisito dell’anno scolastico 2012/2013 è valido ai fini dei requisiti utili per partecipare ai Pas.
Il comunicato del Sindacato nazionale scuola autonomo riferisce che per il momento il Ministero ancora non ha stipulato accordi con le Università per l’attivazione dei Pas, ma ci sono stati incontri informali tra il direttore generale del Miur e diversi rettori. A seguito di questi incontri il direttore generale ha comunicato la disponibilità dei rettori per l’attivazione dei percorsi abilitanti special, in quanto tutte le Università italiane ne garantiranno l’espletamento.
Sempre secondo quanto riportato dal Conitp, riguardo lo scaglionamento in più anni dei percorsi Pas, il direttore generale del Mnistero ha informato che la decisione spetta alle singole Università, ma probabilmente riguarderà solo alcune classi di concorso della tabella “A”, infanzia e primaria, mentre per la tabella “C” e “D”, strumento musicale e le rimanenti classi di concorso della tabella “A” non ci sarà alcuno scaglionamento.
Sull’argomento il comunicato sindacale sostiene che il percorso abilitante, come più volte sollecitato e proposto dallo stesso Conitp, per i docenti della tabella “C” e “D” sarà gestito in parte dalle scuole e in parte dal Miur come è avvenuto per le abilitazioni riservate indette con la legge n. 143/2004, in quanto le Università non hanno le competenze necessarie per poterli espletare.
 

E’ possibile leggere il comunicato completo del Conitp (riportato nella sezione “La voce degli altri”), successivo all’incontro al Miur, nel quale oltre a quello sui Pas sono stati affrontati diversi temi afferenti il personale docente e il personale Ata, sia di ruolo che precario.