Home Attualità Contratti Covid, Azzolina: “I soldi non sono sufficienti. Conti sbagliati? Che fine...

Contratti Covid, Azzolina: “I soldi non sono sufficienti. Conti sbagliati? Che fine faranno i docenti non vaccinati?”

CONDIVIDI

Dopo il comunicato delle ultime ore da parte della Flc Cgil che denunciava l’insufficienza dei fondi da parte del governo sui contratti dell’organico Covid (polemizzando sulle spese militari), arriva il commento da parte dell’ex ministra Lucia Azzolina che sulla sua pagina Facebook ha postato il proprio pensiero:

“I soldi per il cosiddetto personale Covid a scuola non sono sufficienti a prorogare tutti i contratti. L’allarme lanciato da docenti e ata, che arriva da diversi territori, è grave. Sono stati sbagliati i conti e qualcuno se ne accorge solo il 31 di marzo? E che succede adesso? Ci saranno insegnanti senza contratto? Saranno sostituiti dai docenti non vaccinati che rientrano a scuola ma che secondo l’ultimo decreto non possono svolgere attività didattica? La confusione regna sovrana. Oggi il sottosegretario Sasso dice che quel decreto va cambiato. Il sospetto è che avendo sbagliato i conti per il rinnovo dei contratti, si cerchi ora di mettere una toppa modificando un provvedimento che va comunque riscritto a prescindere perché, numeri a parte, alimenta forme di discriminazione e crea problemi invece di risolverli”.

Icotea

Azzolina si chiede poi quale sarà il destino dei docenti non vaccinati:

“I docenti non vaccinati saranno trattati come inidonei e quindi presteranno servizio per 36 ore invece che per 18? Il tempo è praticamente scaduto, si rimetta mano a quel testo, ma con un minimo di cognizione”.