Home Contabilità e bilancio Contributi alle scuole per acquistare abbonamenti a riviste e quotidiani: proroga al...

Contributi alle scuole per acquistare abbonamenti a riviste e quotidiani: proroga al 14 gennaio 2022

CONDIVIDI
  • Credion

Dopo una prima proroga al 30 novembre, sono stati ulteriormente prorogati sino al 14 gennaio 2022 entrambi i termini per la presentazione delle domande di ammissione ai due distinti contributi di sostegno alle scuole per l’acquisto, nel 2021, di abbonamenti a quotidiani, periodici, riviste scientifiche e di settore, in aiuto alla didattica ed alla promozione della lettura critica.

Il primo bando prevede l’assegnazione del contributo, fino ad un massimo del 90% della spesa sostenuta (massimo 900 euro), a favore delle istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni grado di istruzione che acquistano uno o più abbonamenti a periodici e riviste scientifiche e di settore, anche in formato digitale.

Icotea

Il secondo bando concerne l’assegnazione del contributo, fino ad un massimo del 90% della spesa sostenuta (massimo 750 euro), a favore delle istituzioni scolastiche statali e paritarie che adottano programmi per la promozione della lettura critica e l’educazione ai contenuti informativi, nell’ambito dei Piani per l’offerta formativa rivolti ai frequentanti la scuola secondaria di primo grado, che acquistano uno o più abbonamenti a quotidiani, periodici e riviste scientifiche e di settore, anche in formato digitale.

Proroga Bando 2021 – Comma 389 – Scuole di ogni ordine e grado 

Proroga Bando 2021 – Comma 390 – Scuole Secondarie Primo Grado

Fino al 14 gennaio 2022 dunque sarà possibile compilare il modulo di rendicontazione e inviare la relativa istanza di accesso ai contributi. Si accede dall’area SIDI.

Sono ammesse ai contributi le spese già sostenute e fatturate nell’anno di riferimento: nella domanda relativa ai bandi 2021, pertanto, possono essere esposte le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021, a condizione che le medesime spese non siano già state dichiarate nella domanda relativa ai bandi 2020 e abbiano quindi costituito la base di calcolo per il contributo già ottenuto.

Con apposita nota il Ministero ha illustrato la procedura da seguire.