Home Archivio storico 1998-2013 Generico Convocazione dei supplenti tramite sms e mail

Convocazione dei supplenti tramite sms e mail

CONDIVIDI
  • Credion

Poggiandosi sulla piattaforma Vivifacile, la convocazione degli aspiranti supplenti avverrà in forma totalmente digitale attraverso l’invio di messaggi di avviso sul telefono cellulare e l’invio di una comunicazione mail contenente tutte le specifiche relative alla convocazione.

 
Le nuove funzioni, come comunicato dal Miur con la nota prot. n. 11052 del 20 dicembre 2010, saranno attive dal 22 dicembre (complete del meccanismo di contatto tramite SMS ed e-mail) e consentiranno alle istituzioni scolastiche di inviare un messaggio di posta elettronica al supplente da convocare e contestualmente di inoltrargli anche un sms di avviso.
Gli indirizzi di posta elettronica saranno quelli comunicati dagli aspirante tramite le istanze on line (o recuperato dalla posta istituzionale @istruzione.it se più recente). Si tratta quindi di caselle di posta tradizionali; la nuova procedura sarà infatti estesa alle Pec solo in una fase successiva.
Non sarà necessario per l’aspirante supplente provvedere ad alcuna ulteriore registrazione o iscrizione a servizi, perché le nuove funzionalità saranno attivate automaticamente.
La nota in commento riporta infine un importante chiarimento: dato che il personale precario di cui ai DM 68 e 80 del 2010 potrebbe non essere iscritto alle istanze on-line, in quanto non necessariamente aveva presentato, nel 2009, il modello B, per questi, per omogeneità di trattamento, la convocazione dalla fascia prioritaria avverrà con le modalità tradizionali.
Nell’area Istruzione del Miur, a partire dal giorno di attivazione della nuova procedura, sarà disponibile anche un’apposita pagina informativa.

Icotea

Per visionare la nota ministeriale prot. n.11052 del 20 dicembre 2010, consulta il box “Approfondimenti” di questa pagina.