Home Sicurezza ed edilizia scolastica Coronavirus, ripensare l’edilizia scolastica con progetti nuovi

Coronavirus, ripensare l’edilizia scolastica con progetti nuovi

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli, in riferimento ai problemi dell’edilizia scolastica ai tempi del Covid 19 afferma: “Oggi si presenta perché sono cambiate le condizioni. Come Fondazione riteniamo che le aule italiane abbiano una dimensione media di circa 45 metri quadri, con pochissime che superano i 60 metri quadri. In queste condizioni, se a settembre saranno richieste misure di distanziamento fra uno e due metri tra gli alunni, sarà quasi inevitabile la scelta di separare le classi in due gruppi o anche più. Il rischio è che si tirino fuori dai cassetti vecchi progetti che però fanno riferimento a una realtà che è drammaticamente cambiata. In tre mesi onestamente non si può ripensare un edificio scolastico. Il vero rischio è che in questo momento difronte al finanziamento si recuperino progetti che non hanno nulla a che fare con i problemi dell’emergenza e che nemmeno guardino a un rinnovamento degli spazi di apprendimento in futuro”.

Preparazione concorso ordinario inglese