Home Attualità Coronavirus, un app ci avviserà se ci stiamo per toccare il viso

Coronavirus, un app ci avviserà se ci stiamo per toccare il viso

CONDIVIDI
  • Credion

Si chiama “No Touch Face” e ci avviserà se stiamo per toccarci il viso.

Con il coronavirus tutto è cambiato della nostra vita e tanto ancora è destinato a cambiare. Fa impressione pensare come siano cambiate le nostre abitudini anche le più semplici rispetto a qualche settimana fa come toccarsi il viso, darsi la mano, salutarci con dei baci sulla guancia, o come ad esempio andare a scuola o uscire il pomeriggio con gli amici, ora è diventato un sogno che speriamo presto di poter realizzare e tornare a quella che era per tutti noi la normalità

Icotea

Ad aiutarci e supportarci in quelle che sono piccole cose che dovranno necessariamente continuare arriva in nostro soccorso la tecnologia.

Nella fattispecie parliamo di un’applicazione nata da una idea del team del professor Domenico Prattichizzo al SirsLab (Siena Robotics and Systems Lab) dell’Università di Siena con l’obiettivo di fornire un servizio utile per combattere il Coronavirus avvisando le persone che si stanno per toccare il viso con le mani.

Il progetto, nato dalla collaborazione tra l’Ateneo senese e l’Istituto Italiano di tecnologia, è una delle tante risposte all’attuale emergenza Covid-19 utile come deterrente contro la diffusione dell’infezione.

Per usarla basta uno classico smartwatch e dei piccoli magneti facilmente acquistabili online ha spiegato in una nota il professor Prattichizzo “per ricevere una notifica vibro-sonora non appena si avvicina la mano al viso”. Una soluzione semplice ma utilissima e dal grande impatto sulla sicurezza delle persone, spesso esposte a contagi per colpa di disattenzioni e abitudine ormai consolidati da anni soprattutto nei luoghi pubblici dove l’igiene non è garantita e sono più alte le probabilità del contagio.

In particolare, l’applicazione No Touch Face sfrutta i sensori già integrati nei più comuni smartwatch per misurare il campo magnetico circostante e rilevare la distanza a cui si trovano i magneti. Posizionando quindi i piccolissimi magneti ad esempio su collane, orecchini e occhiali viene dunque delimitata una zona di sicurezza all’interno della quale l’applicazione genera una notifica di allarme.

No Touch Face è un’applicazione gratuita attualmente disponibile per sistemi operativi WearOS. Il software è in logica open-source e accessibile al sito ufficiale www.nofacetouch.org..

Grazie al contributo collettivo sarà possibile raccogliere i fondi utili per migliorare e sviluppare l’applicazione anche per altri smart watches di diversa tecnologia come Samsung, Apple, Huawei per essere di aiuto a un numero sempre più elevato di persone.

Va ricordato inoltre che il progetto No Face Touch è parte delle iniziative dell’Istituto per la Robotica e le Macchine intelligenti, che in questo momento sta cercando a livello nazionale di contribuire alla prevenzione e cura del covid-19.