Home Sicurezza ed edilizia scolastica Cos’è l’Osservatorio per l’edilizia scolastica?

Cos’è l’Osservatorio per l’edilizia scolastica?

CONDIVIDI

L’Osservatorio per l’edilizia scolastica previsto dall’art. 6 della Legge n.23 del 1996, nasce con il fine di promozione, supporto e indirizzo per gli interventi di edilizia scolastica. Dopo un iniziale insediamento non è stato più convocato per quasi vent’anni.

L’Osservatorio è ripartito l’8 gennaio del 2015. L’attuale composizione dell’Osservatorio deriva dal decreto del Ministro dell’Istruzione n. 88 del 2014 e prevede una “cabina di regia” con sede al Miur, cui partecipano rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, dell’Anci, dell’Upi e delle singole Regioni.

ICOTEA_19_dentro articolo

L’Osservatorio si avvale, poi, di una Struttura tecnica di supporto, composta da rappresentanti dei Ministeri e rappresentanti degli Enti locali e territoriali, che elabora norme tecniche-quadro e controlla la corrispondenza tra gli interventi segnalati nei piani regionali con le informazioni contenute nell’Anagrafe dell’edilizia scolastica.

 

{loadposition carta-docente}

 

A tal riguardo si ricorda il primo comma dell’art. 6 della Legge n.23 del 1996:

1. E’ istituito presso il Ministero della pubblica istruzione l’Osservatorio per l’edilizia scolastica, composto dai rappresentanti degli organismi nazionali, regionali e locali competenti in materia di edilizia scolastica, nonché da una rappresentanza del Ministero per i beni culturali e ambientali, con compiti di promozione, di indirizzo e di coordinamento delle attività di studio, ricerca e normazione tecnica espletate dalle regioni e dagli enti locali territoriali nel campo delle strutture edilizie per la scuola e del loro assetto urbanistico, nonché di supporto dei soggetti programmatori e attuatori degli interventi previsti dalla presente legge.

{loadposition facebook}