Home I lettori ci scrivono Cosa serve per diventare insegnanti con la delega

Cosa serve per diventare insegnanti con la delega

CONDIVIDI
  • Credion

E pensare che i nuovi eroi della Buona Scuola, a quanto si dice, non avranno mai una pensione!

Quello che ci vuole, oggi, per intraprendere la carriera di docente, è TANTO CORAGGIO!

Icotea

Per diventare insegnanti con la delega della Legge 107 – Reclutamento docenti. ottenuta la laurea, bisognerà sostenere esami aggiuntivi per 24 crediti in pedagogia e didattica, un’attestazione relativa al possesso di competenze informatiche e telematiche e una certificazione B2 inerente ad una lingua straniera. Dopo si potrà accedere al concorso e coloro che vinceranno il concorso saranno chiamati a stipulare con l’Ufficio Scolastico Regionale di competenza, un contratto di formazione iniziale e tirocinio, con la possibilità di scegliere l’ambito territoriale dove iniziare la propria carriera scolastica…

A questo punto, per un anno intero, si frequenterà un corso di specializzazione a tempo pieno che consentirà di acquisire un totale di altri 60 crediti formativi (con uno stipendio di circa 400 euro al mese per soli 10 mesi, e 2 mesi di ferie gratis, cioè senza un euro).

Alla fine del corso si sosterrà un esame che, se si supera, vi permetterà di accedere a un anno di tirocinio (sempre con 400 euro mensili); se non si supera: abbiate pazienza ma restate a casa!

Il terzo anno (sono già passati 2 anni da quando si è superato il concorso) si potrà sperare finalmente nella supplenza annuale e, se siete ancora arzilli dopo aver tanto tirato la cinghia, ce la farete sicuramente ad ottenere lo stipendio previsto dal contratto delle supplenze, potrete cominciare a vivere, ma senza fare “spese pazze”. Al termine di questo percorso, non ancora finito, sarete valutati da una Commissione di valutazione presieduta da un dirigente scolastico operante nell’ambito di appartenenza.

Se riuscite a superare anche questa valutazione in modo positivo, sarete inseriti in una graduatoria regionale e finalmente potrete aspettare LA FAMOSA CHIAMATA DIRETTA da parte di un dirigente scolastico.

Tutto questo studio e lavoro servirà ai futuri docenti per essere preparatissimi di fronte alle Grandi Sfide della nuova Scuola italiana del terzo millennio:

1) Essere insultati o ignorati a piacimento dai ministri dell’Istruzione;

2) Tirare a campare con uno stipendio da terzo mondo;

3) Essere maltrattati dai genitori degli alunni e dagli stessi alunni;

4) Non sequestrare mai un telefono agli studenti (vi denuncerebbero per appropriazione illecita), ma lasciarli sfogare nelle loro libere attività espressive su facebook o in altri social;

5) Non assegnare MAI compiti per casa per non disturbare gli spazi di ricreazione degli studenti e dei genitori;

6) Cercare di ottenere un misero bonus per merito nel caso si riuscisse ad avere dagli alunni la concessione di qualche minuto di attenzione per fare lezione;

7) Partecipare a dei bellissimi e sciocchi progetti da svolgere da soli mentre gli studenti giocano con lo smartphone o il tablet;

8) Mettere voti alti sulle pagelle e regalare promozioni facili come vuole il MIUR;

9) Cercare di sopravvivere ai controlli del preside, del suo staff e anche ai controlli assenza per malattia dell’INPS;

10) Occuparsi (può capitare) della pulizia della classe e di altre incombenze, nel caso mancasse il personale ATA necessario.

A questo punto rimane da farsi solo una domanda: quelli che arriveranno al traguardo saranno veramente felici di aver fatto BINGO, oppure conveniva cambiare mestiere?