Home I lettori ci scrivono Covid: quale differenza tra uffici pubblici e aule scolastiche?

Covid: quale differenza tra uffici pubblici e aule scolastiche?

CONDIVIDI
  • GUERINI

Spett.le redazione,
Insegno da poco piu’ di 20 anni nella scuola secondaria di secondo grado. Inutile perdere tempo difendendo il mio lavoro e dicendo che lo amo e che probabilmente non potrei fare altro nella mia vita che donare ai miei studenti la passione per la materia che amo (laboratorio di informatica).
Vorrei solo esprimere una mia osservazione.

La ministra ci parla di numeri bassissimi di contagi. Ma lasciamo stare i numeri, che poco contano, quando si tratta di VITE UMANE. Vorrei solo che qualcuno mi spiegasse (e non coi soliti commenti insensati), come mai in tutti gli uffici pubblici, negozi, attività (anche dal mio dentista ad esempio) la legge dice che e’ possibile ammettere al limite 2 persone, in circa 25 mq di sala d’attesa e ovviamente, con la mascherina e per “il tempo sufficiente”, cioè, pochi minuti (10-15), mentre nelle aule scolastiche (circa 35mq) guarda caso, sarebbero ammessi e “in piena sicurezza” 20-25 persone (quindi 10 volte il limite dell’esempio precedente!!!) che restano li, per 5-6 ore, con la mascherina.
Non aggiungo altro.
DB

Icotea