Home Attualità Crisanti: stiamo creando terreno per una variante resistente ai vaccini

Crisanti: stiamo creando terreno per una variante resistente ai vaccini

CONDIVIDI
  • Credion

Andrea Crisanti, professore ordinario di Microbiologia a Padova dopo anni all’Imperial College di Londra, avverte: “non siamo sulla buona strada per l’uscita dalla pandemia, anzi continuando così stiamo creando il terreno per una nuova variante del tutto resistente ai vaccini”. 

L’Italia, dice in un’intervista a La Stampa, “Non contrasta il contagio per decisioni politiche che rifiuto di commentare. Come l’anno scorso del resto, sottovalutando i rischi per l’autunno. L’Italia era e rimane in una condizione di vulnerabilità. La curva cresce, ma viene frenata dal caldo e dai vaccini, anche se la popolazione è ancora troppo poco protetta. A settembre avremo un ritorno dei contagi più evidente”. 

Icotea

Intanto, i dati israeliani hanno mostrato come il vaccino Pfizer abbia perso efficacia con la diffusione della Delta, per cui Crisanti commenta che è un segnale “non bellissimo, perché la protezione con la doppia dose cala dal 94 al 64 per cento. Conferma i dati inglesi e cioè che la variante Delta infetta i vaccinati e si trasmette più pericolosamente Per i non vaccinati si fa dura, perché sono più esposti al virus. Per i vaccinati invece resta importante mantenere le misure di sicurezza, perché esiste la possibilità di reinfettarsi”.
 
“Demagogia pura quella del  premier inglese Johnson che allenta le misure. Lascia al popolo la responsabilità di proteggersi, ma è una scelta pericolosa perché la traiettoria evolutiva della Delta è di creare una nuova variante più resistente ai vaccini”. 

“La variante californiana, la cosiddetta Epsilon, sembra pericolosa, ma deve ancora dimostrare sul campo la sua capacità trasmissiva. Ci potrebbe essere in futuro una nuova variante che combini contagiosità della Delta e resistenza della Epsilon”.

In conclusione, dunque, si naviga a vista, mentre appare sempre più certa la pericolosità delle varianti del Covid che per sopravvivere muta e si trasforma, battendo la scienza nei tempi supplementari.