Home Ordinamento scolastico Crollano le iscrizioni e scattano i tagli

Crollano le iscrizioni e scattano i tagli

CONDIVIDI

Da settembre saranno 1.914 gli alunni lasceranno un vuoto clamoroso tra i banchi delle scuole salernitane dei primi tre ordini di insegnamento e di conseguenza scatta pure la soppressione di cattedre.

«Si registra una flessione di iscritti molto pesante in tutta la regione e Salerno ne risente molto», dichiara l’amministrazione scolastica regionale a ilmattino.it.

In Campania, continua la testata, il quadro è decisamente critico: all’infanzia gli iscritti per settembre su base regionale sono 122.193 con un decremento di 4.149 bambini rispetto all’attuale anno scolastico; alle elementari si registrano 265.674 alunni con un crollo di 5.979 alunni rispetto a quest’anno; non va bene alle medie dove si registrano 191.593 studenti iscritti con una flessione annuale di 2.484 unità; contenuta la flessione di studenti alle superiori con un saldo negativo di 117 studenti a fronte di 315.854 iscrizioni.

ICOTEA_19_dentro articolo

Questi i dati negativi per Salerno: nelle scuole dell’infanzia perdiamo 930 bambini a fronte di 24.056 iscritti; alle elementari si contano 48.259 alunni con una diminuzione di 817 alunni rispetto a quest’anno; alle medie si registrano 32.580 studenti e 422 mancate iscrizioni; alle superiori, come già detto, aumentano gli iscritti di 255 unità per un totale di 58.681 presenze distribuite tra licei, tecnici e professionali. 

 

{loadposition carta-docente}

 

La diminuzione dei posti per gli insegnanti ammonta a 25 unità solo a Salerno e provincia. Nello specifico, con l’anagrafe del prossimo anno scolastico definita, da Napoli è arrivata in una informativa la richiesta di riduzione di 13 unità di maestre all’infanzia, mentre la scuola primaria deve fare i conti con una riduzione di 12 cattedre di maestre: sempre alla scuola elementare bisogna fare i conti anche con la presenza di 60 docenti in esubero che sono stati collocati in provincia in via provvisoria dopo una sentenza del giudice del lavoro che ha bocciato nei mesi scorsi i trasferimenti delle maestre al nord Italia. Non si registrano tagli di professori in organico di sostegno, dove l’Ufficio scolastico regionale ha distribuito 810 posti su base regionale e 133 nel salernitano: si tratta di posti che serviranno per coprire assunzioni e movimenti dei docenti.