Home Archivio storico 1998-2013 Generico Da settembre il via alle sezioni-primavera

Da settembre il via alle sezioni-primavera

CONDIVIDI
  • Credion

La conferenza unificata Stato-Regioni-Enti Locali ha dato il via libera alla sperimentazione delle “sezioni primavera” previste dalla legge finanziaria e aperte ai bambini di età compresa fra i 2 e i 3 anni.
L’accordo siglato nel corso della riunione della Conferenza del 14 giugno coinvolge non solo Regioni ed Enti Locali ma anche tre Ministeri (Istruzione, Politiche Sociali e Famiglia) ciascuno dei quali metterà a disposizione 10 milioni di euro.
Lo stanziamento complessivo di 30milioni potrebbe servire per aprire già a partire da settembre almeno un migliaio di sezioni.
Alla sperimentazione potranno partecipare scuole statali, comunali, nidi comunali, scuole paritarie e soggetti privati purchè convenzionati con i Comuni.
Le proposte dovranno essere trasmesse entro il 10 luglio dai soggetti interessati agli Uffici scolastici provinciali che, a loro volta, li invieranno agli uffici scolastici regionali.
Presso ciascuno Direzione regionale verrà istituito un gruppo tecnico di cui faranno parte anche rappresentati dell’Anci e della Regione.
I progetti saranno valutati e graduati. Non tutti potranno essere realizzati, ma quelli ritenuti validi potranno contare su uno stanziamento di circa 30mila euro.
”Il requisito essenziale – ha spiegato il viceministro Mariangela Bastico – è che sia la fattibilità del progetto sia immediata, ovvero che vi siano servizi, mense, trasporti e il potenziale bacino dei bambini che ne usufruiranno”
Nel commentare l’intesa raggiunta il vice-ministro Bastico ha dichiarato: “Sono molto soddisfatta per questo accordo che, oltretutto, riguarda tre ministeri, 22 Regioni e numerosi Comuni e che arricchisce l’offerta senza sostituirsi alla scuola  dell’infanzia o a quella materna ”.
Forti critiche sono state espresse dallo Snals, che teme che la scuola dell’infanzia possa perdere la propria speficità educativa e trasformarsi poco per volta in un servizio di tipo assistenziale.
Al contrario Cisl-Scuola si mostra soddisfatta dell’accordo raggiunto che – sottolinea il segretario nazionale Francesco Scrima – “salvaguardo l’assetto ordinamentale della Scuola dell’Infanzia e la professionalità dei docenti”.