Home Sicurezza ed edilizia scolastica Da Vicenza una proposta per garantire i servizi essenziali alle scuole

Da Vicenza una proposta per garantire i servizi essenziali alle scuole

CONDIVIDI
  • Credion

Nel vicentino funzionano 48 istituti scolastici, per un totale di 128 edifici (l’80% dei quali ha superato i 50 anni d’età), frequentati da più di 40mila studenti. Le utenze di acqua, luce e gas, costano 5,6 milioni di euro. Se si aggiungono anche quelle telefoniche, la cancelleria, le locazioni, e le altre spese, si arriva a 6,2 milioni,  che la provincia versa ogni anno per la sola gestione corrente degli istituti. I dati sono significativi e stanno allarmando le scuole.
Milioni di euro che lievitano quando si parla di manutenzione. Numeri che stanno facendo alzare i toni della protesta. A tal riguardo il presidente della provincia di Vicenza, alcuni consiglieri e i dirigenti scolastici delle scuole superiori vicentine, i presidenti dei consigli d’istituto e la consulta degli studenti propongono una manifestazione a Roma,per chiedere al Governo di mettere questi enti provinciali nelle condizioni di garantire i servizi essenziali al territorio e alle scuole in particolare.