Home Politica scolastica DdL, tre giorni di protesta davanti alla Camera: “Renzi stai sereno, non...

DdL, tre giorni di protesta davanti alla Camera: “Renzi stai sereno, non molleremo”

CONDIVIDI
  • Credion

Si sono presentati davanti alla Camera con una lavagna, simile a quella utilizzata qualche giorno fa dal premier Renzi nel corso di un video-messaggio sulla riforma, i manifestanti contro il ddl 2994 sulla Buona Scuola, in via di approvazione proprio a Montecitorio. Come preannunciato nello scorso week end, l’iniziativa è stata voluta da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda proseguirà anche martedì 19 maggio. E pure il giorno dopo, quando è atteso il sì finale al provvedimento.

Assieme a docenti, Ata e sindacalisti, che per l’occasione hanno coniato lo slogan “Riformiamo la scuola ma riformiamola insieme”, si sono presentati in piazza anche alcuni deputati del Movimento Cinque Stelle: “in Aula il dibattito è soffocato – ha spiegato la ‘grillina’ Simone Valente – e i tempi sono contingentati. Il M5S ha ancora 18 minuti a disposizione per intervenire sugli articoli ancora da esaminare. Pensiamo che prima di tutto si debbano mobilitare i cittadini in difesa della scuola pubblica. Per questo li sosteniamo e lo faremo anche domani perché questo provvedimento venga ritirato”. 

Icotea

 

{loadposition w-valutazione}

 

Tra i manifestanti, c’era anche qualche democratico del Pd che si oppone al ddl Renzi-Giannini, tra cui sembra anche l’ex ministro dell’Economia Stefano Fassina (che nei giorni scorsi ha dichiarato di voler lasciare il partito di maggioranza qualora il ddl non venga radicalmente cambiato): “sono importanti le mobilitazioni, non bisogna rassegnarsi – ha detto Fassina – c’è anche il passaggio al Senato dove ripresenteremo gli emendamenti contro il potere ai presidi di chiamare gli insegnanti e per un piano di assunzioni dei precari e per cancellare le nuove norme sul 5 per mille. Oggi alcuni di noi in Aula hanno chiesto le dimissioni del ministro Giannini perchè è inaccettabile che continui a offendere gli insegnanti dopo il grande sciopero della settimana scorsa”.

I manifestanti hanno parlato anche con Nicola Fratoianni di Sel. In piazza sventolano le bandiere di Cgil Cisl, Uil, Gilda e Snals. “Il 18, il 19 e il 20 faremo nuove mobilitazioni contro il ddl scuola – ha annunciato una studentessa – chiediamo di procedere con il blocco degli scrutini, saremo al fianco degli insegnanti”.

“A parlare – ha scritto Tmnews – sono soprattutto i professori, uno di loro sale sul palco e attacca il “governo antidemocratico” di Renzi che ormai “si relaziona con una indistinta massa generica di sudditi: questo è il senso del video di Renzi, non c’era bisogno di mandarci una mail le nostre opinioni le sapeva già”. Ma ci sono critiche anche nei confronti delle forze di opposizione: “I parlamentari dovevano fare ostruzionismo non ci interessano gli emendamenti di Fassina o di altri, dovevano sfiduciare il governo, questo governo va mandato a casa, noi lo abbiamo sfiduciato con la piazza e con lo sciopero, dobbiamo farci sentire e riempire questa piazza fra due giorni” quando ci sarà il voto finale sul ddl: “chiudiamo le scuole e veniamo qui a farci sentire e visto che hanno paura dello sciopero degli scrutini è quello che dobbiamo fare, insieme ai genitori e agli studenti. Poi dobbiamo chiedere lo sciopero generale a tutti i sindacati contro questo governo”. Lo slogan è ‘Renzi stai sereno, non molleremo'”.

Per mercoledì, quando a metà giornata prenderanno il via i voti per il sì definitivo della Camera sul provvedimento di riforma, sempre i sindacati maggiori della scuola hanno organizzati un’assemblea pubblica di tutti i lavoratori della scuola di Roma e del Lazio, che potranno usufruire di tre ore di permesso sindacale corrispondenti alle prime tre ore di lezione: un tentativo evidente per portare più lavoratori possibili a gridare il dissenso contro il via libera al ddl da parte del primo ramo del Parlamento.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola