Home Politica scolastica Decreto Scuola, al Senato presto voto di fiducia dopo una “ripulitura” del...

Decreto Scuola, al Senato presto voto di fiducia dopo una “ripulitura” del testo

CONDIVIDI
  • Credion

Potrebbe arrivare già nel pomeriggio dell’11 maggio, il voto di fiducia sul decreto scuola ora all’ esame dell’Aula del Senato.

A chiedere questa soluzione, più breve e sicura, è stato il Governo. I tempi, del resto, sono davvero ristretti, soprattutto per formalizzare il raddoppio degli esami dei compensi dei commissari del concorso docenti 2016, ma anche le assegnazioni provvisorie allargate ai neo-assunti, il bonus cultura per i 18enni stranieri, l’immissione in ruolo dei candidati idonei al concorso per la scuola dell’infanzia 2012 ed altri provvedimenti urgenti.

Icotea

La decisione, secondo le agenzie di stampa, sarebbe stata presa perché nella mattina dello stesso giorno sarebbe mancato tre volte il numero legale dei deputati (anche se non di seguito, altrimenti si sarebbe dovuto passare al punto successivo nell’ordine del giorno dei lavori): ma, scrive l’Ansa, “sarebbe un’escamotage per prendere tempo in attesa del maxiemendamento del governo. Prima della verifica del numero legale, era stata chiesta la sospensione dell’esame del decreto di una settimana”.

 

{loadposition eb-progetti}

 

“Sempre secondo quanto si apprende in ambienti di palazzo Madama, il maxiemendamento del governo dovrebbe riproporre il testo esaminato dalla commissione con l’aggiunta di “qualche ripulitura”. Nel pomeriggio sono già diverse le commissioni che hanno annunciato la loro sconvocazione, probabilmente, si fa osservare, in vista della richiesta del voto di fiducia da parte del governo”.

Nel corso della mattina, il senatore Mario Mauro aveva chiesto di sospendere per una settimana l’esame del decreto Scuola. La votazione, avvenuta per alzata di mano, è stata però negativa.

Subito dopo ha preso il via la discussione generale del provvedimento. Che però presto si fermerà per lasciare spazio alla questione di fiducia.

 

{loadposition facebook}