Home Precari Decreto scuola, concorso in arrivo per gli ispettori scolastici: cosa è previsto

Decreto scuola, concorso in arrivo per gli ispettori scolastici: cosa è previsto

CONDIVIDI

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto scuola firmato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, lo scorso 29 ottobre.

Il provvedimento dovrà essere convertito in legge entro i 60 giorni successivi alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Ecco il link con il testo integrale (clicca qui)

DECRETO-LEGGE 29 ottobre 2019, n. 126 
Misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti (GU Serie Generale n.255 del 30-10-2019)

PREPARATI CON I CORSI DELLA TECNICA DELLA SCUOLA

Decreto scuola, c’è anche il concorso per ispettori scolastici

In arrivo anche l’assunzione di nuovi dirigenti tecnici nel ruolo di ispettori scolastici, il concorso si svolgerà per titoli ed esami.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il decreto, infatti, stabilisce che il Miur è autorizzato a bandire, nell’ambito della vigente dotazione organica, un concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento, a decorrere da gennaio 2021, di 59 dirigenti tecnici.

Chi potrà partecipare e con quali titoli

L’accesso al concorso dovrebbe essere riservato, oltre che ai dirigenti scolastici, anche a maestri della scuola dell’infanzia e primaria; docenti della secondaria, rettori dei convitti nazionali, oltre che dirigenti dei conservatori di musica e delle accademie di belle arti.

Oltre al ruolo professionale, con una anzianità complessiva di effettivo servizio di ruolo di un numero di anni considerevole., li interessati al concorso dovranno essere in possesso necessariamente del diploma di laurea.

I compiti dell’ispettore scolastico

Ricordiamo che l’ispettore scolastico – parte integrante del Sistema Nazionale di Valutazione – svolge la funzione ispettiva all’interno degli istituti scolastici, per esaminare e migliorare l’attività realizzata, anche in linea con le indicazioni dell’Unione Europea.

Tra i compiti dell’ispettore tecnico – definiti dalla Direttiva del 2 Luglio 2002 – vi sono anche le verifiche e le ispezioni svolte su specifiche situazioni disposte dal ministro dell’Istruzione e dagli uffici dell’amministrazione scolastica centrale.