Home Politica scolastica Decreto Scuola, i deputati della Lega espongono striscione “Azzolina bocciata”

Decreto Scuola, i deputati della Lega espongono striscione “Azzolina bocciata” [VIDEO]

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Bagarre nell’Aula della Camera, durante l’approvazione del decreto scuola, con la seduta che viene sospesa dopo la protesta messa in atto dalla Lega, che ha srotolato uno striscione con su scritto “Azzolina bocciata” e ha intonato cori al grido di “Vergogna, vergogna”. I deputati dell’opposizione hanno applaudito all’esposizione dello striscione, che però ha alimentato tensioni in Aula e di conseguenza costretto il vicepresidente Ettore Rosato ad intervenire.

Il video di quanto accaduto alla Camera

(fonte Matteo Salvini/Twitter profilo ufficiale)

Foto dello striscione esposto a Montecitorio

La seduta viene quindi sospesa, ma alla ripresa dei lavori il clima resta teso, con un duro scontro tra i deputati Pd e i leghisti.
I primi accusano i secondo di aver messo in scena una “buffonata”, e di aver “invaso i banchi dem” per utilizzarli “come palcoscenico”, affermano Patrizia Prestipino e Enrico Borghi, che chiedono “rispetto”.
Poco dopo il presidente di turno, Ettore Rosato, ha annunciato che “risultando ancora iscritti per le dichiarazione di voto oltre 80 deputati, il presidente ha stabilito che la votazione finale non avrà luogo prima delle 11.30 di domani”. 
“Sono consapevole che quando viene chiesta una seduta fiume la tensione in aula aumenta. La presidenza si comporta di conseguenza e assume la tolleranza che ci deve essere verso tutti i gruppi. Invito tutti a rispettare le regole essenziali e tra queste c’è anche il diritto avere il posto che è stato assegnato a ogni gruppo e che deve essere rispettato ed è un diritto e un dovere da parte di tutti i gruppi di comportarsi seriamente. Resta che io non posso non richiamare il fatto che la ministra Azzolina è una ministra della repubblica e come tale va trattate con il rispetto che ciò richiede”,  ha affermato Rosato.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese