Decreto Sostegni: come saranno suddivisi i 300 milioni per la scuola [VIDEO]

CONDIVIDI
  • GUERINI

Il 19 marzo scorso il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al Decreto Legge Sostegni che prevede 300 milioni di euro per sostenere le istituzioni scolastiche nella gestione dell’emergenza sanitaria.

Incremento del fondo per il funzionamento

Sono assegnati alle scuole 150 milioni di euro per:

Icotea
  • dispositivi di protezione e materiali per l’igiene individuale e degli ambienti, nonché di ogni altro materiale, anche di consumo, il cui impiego sia riconducibile all’emergenza epidemiologica da COVID-19; 
  • specifici servizi professionali per il supporto e l’assistenza psicologica e pedagogica, da rivolgere, in particolar modo, a studentesse e studenti, oltre che al personale scolastico, in relazione alla prevenzione e al trattamento dei disagi e delle conseguenze derivanti dall’emergenza epidemiologica da COVID-19; 
  • servizi medico-sanitari volti a supportare le istituzioni scolastiche nella gestione dell’emergenza epidemiologica, nelle attività inerenti alla somministrazione facoltativa di test diagnostici alla popolazione scolastica di riferimento, all’espletamento delle attività di contact tracing nell’ambito della indagine epidemiologica, anche allo scopo di svolgere una funzione efficace e tempestiva di raccordo con i Dipartimenti di prevenzione delle Aziende sanitarie locali; 
  • dispositivi e materiali destinati al potenziamento delle attività di inclusione degli studenti con disabilità, disturbi specifici di apprendimento ed altri bisogni educativi speciali. 

Risorse per il recupero degli apprendimenti

Sono previsti altri 150 milioni di euro per:

  • ampliamento dell’offerta formativa extracurricolare
  • recupero delle competenze di base
  • consolidamento delle discipline
  • promozione di attività per il recupero della socialità

anche nel periodo che intercorre tra la fine delle lezioni dell’a.s. 2020/2021 e l’inizio di quelle dell’a.s. 2021/2022.

Le risorse saranno assegnate e utilizzate sulla base di criteri stabiliti in un decreto del Ministro dell’istruzione da adottare entro quindici giorni dall’entrata in vigore del decreto sostegni.

Finanziamenti per il Sud 

Il decreto prevede anche un capitolo da 35 milioni per il Sud per l’acquisto di dispositivi e strumenti digitali individuali da concedere in comodato d’uso a studentesse e studenti meno abbienti per le attività di didattica digitale. I fondi potranno anche essere usati dalle scuole del Mezzogiorno per lo sviluppo di ambienti digitali. 

Vaccinazione anti-Covid e assenza dal lavoro

L’assenza dal lavoro del personale della scuola in occasione della somministrazione del vaccino è giustificata e non comporta alcuna decurtazione economica né sul trattamento fondamentale né sulla retribuzione accessoria.

Lavoratori fragili

Fino al 30 giugno, nel caso in cui il lavoratore fragile non possa svolgere la prestazione lavorativa in modalità agile o essere adibito ad altra mansione o svolgere attività di formazione anche da remoto, l’assenza è equiparata al ricovero ospedaliero e non si computa nel periodo di comporto.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook