Home Politica scolastica D’Errico (Unicobas): per capire il rapporto scuola-lavoro fate un viaggio nella città...

D’Errico (Unicobas): per capire il rapporto scuola-lavoro fate un viaggio nella città di Olivetti

CONDIVIDI

Se volete far capire davvero ai vostri studenti in cosa consiste il rapporto fra scuola e lavoro organizzate un viaggio di istruzione a Ivrea, città della Olivetti: il suggerimento arriva da Stefano d’Errico, segretario nazionale di Unicobas.
“Ivrea – scrive d’Errico sulla sua pagina FB – è la città della Olivetti, l’azienda che produsse il primo personal computer. Ma la Olivetti fu molto più che una semplice azienda: Adriano, figlio del fondatore dell’azienda Camillo, costruì una fabbrica luminosa, immersa nel verde, dotata di tutti i confort per gli operai, dalla fornitissima biblioteca, a settori per il relax e la lettura, mense d’alto livello, edilizia con interi quartieri in stile ‘città-giardino’ per le maestranze”.

“C’è oggi ad Ivrea – continua d’Errico – un museo ‘autogestito’ da volontari, tutto dedicato alla Olivetti. Si tratta del Museo ‘Tecnologicamente’, nato in particolare su input della famiglia Salvetti, parenti stretti di Natale Capellaro, normalissimo operaio Olivetti che diventò infine un progettista ed uno dei migliori manager dell’azienda, realizzando in sé uno degli obiettivi che Adriano Olivetti s’era dato: fare dell’officina anche un laboratorio sociale e pedagogico che parificasse il lavoro manuale ed intellettuale, valorizzandoli allo stesso livello”.

Icotea

“I dirigenti scolastici ‘manager’, e gli insegnanti che si piegano alla logica dell’alternanza scuola-lavoro come apprendistato – prosegue ancora d’Errico – invece di riservare ai loro studenti dalle 200 alle 400 ore di esperienza ‘wasp’ in grassi fastfood, potrebbero, molto più proficuamente, organizzare un viaggio di studi ad Ivrea: chissà che l’esperienza non chiarisca prima di tutto a loro anche la stessa idea di ‘manager’ che essi spesso credono derivi dall’inglese, rivisitandola finalmente, come si dovrebbe – se non si decide di farne proprio a meno – almeno in chiave pedagogica”.

“Ad ogni buon conto – ricorda infine il segretario dell’Unicobas – a loro uso e consumo ne ripropongo l’etimo; il sostantivo inglese manager deriva dal verbo francese manager, derivato a sua volta dall’espressione latina manu agere, ovvero ‘condurre con la mano’”.