Home Attualità Didattica a distanza, Azzolina: “Inviati tutti i 70 milioni di euro per...

Didattica a distanza, Azzolina: “Inviati tutti i 70 milioni di euro per acquisto tablet e pc”

CONDIVIDI

“E’ dal primo giorno di questa crisi che ci siamo attivati per sostenere la didattica a distanza. In mezzo a tante difficoltà che nessuno si sente di nascondere e a deficit strutturali che il nostro Paese non potrà più ignorare una volta superata l’emergenza, le famiglie, gli studenti e tutto il personale scolastico si sono rimboccati le maniche e si stanno impegnando in una sfida totalmente inedita. Tra ieri ed oggi abbiamo inviato i 70 milioni di euro stanziati per l’acquisto di tablet e computer. Entro lunedì mattina saranno tutti accreditati sui conti delle scuole. Risorse, lo ricordo, destinate a chi ne ha più bisogno. A pochi giorni dalla firma del decreto è un bel risultato. Siamo riusciti infatti ad ottenere una procedura più snella e, in questo modo, ad accorciare i tempi burocratici”.

Così in una nota la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina.

ICOTEA_19_dentro articolo

Sull’argomento, la nostra testata ha realizzato un’ampia inchiesta, dalla quale è emerso che al primo posto per assegnazione delle risorse (grafico n. 1), si colloca la Lombardia, con 12 milioni di euro messi a disposizione (14% del totale); segue la Campania, con 10,6 (13%), poi la Sicilia con 9,1 milioni (11%).

Al quarto posto troviamo il Lazio con 7.3 milioni assegnati.

In fondo alla classifica, si collocano l’Umbria con 1.2 milioni, la Basilicata con 1 milione e il Molise con 479 mila euro.

GRAFICO 1

Classifica completa (in ordine alfabetico)

Abruzzo 1.9 milioni

Basilicata 1.0 milioni

Calabria 3.6 milioni

Campania 10.6 milioni

Emilia Romagna 5.4 milioni

Friuli Venezia Giulia 1.5 milioni

Lazio 7.3 milioni

Liguria 1.8 milioni

Lombardia 12 milioni

Marche 2.3 milioni

Molise 479 mila

Piemonte 5.6 milioni

Puglia 6.8 milioni

Sardegna 2.7 milioni

Sicilia 9,1 milioni

Toscana 4.8 milioni

Umbria 1.2 milioni

Veneto 6.1 milioni

Didattica a distanza, la divisione per le 10 maggiori province

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, in una nota assicura che “appena arriveranno nelle casse dei loro istituti, i dirigenti scolastici potranno utilizzarle immediatamente”.

Degli 85 milioni stanziati per tutte le regioni italiane, 10 potranno essere utilizzati dalle istituzioni scolastiche per favorire l’utilizzo di piattaforme e-learning, per dotarsi di strumenti digitali utili per l’apprendimento a distanza o per potenziare quelli già in loro possesso. Altri 70 milioni saranno utilizzabili per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso gratuito, dispositivi digitali per la fruizione della didattica a distanza. I restanti 5 milioni serviranno a formare il personale scolastico.

Il decreto incrementa, infine, il Fondo per le emergenze educative del Ministero di 2 milioni di euro, anche questi utilizzabili per le esigenze delle scuole per fronteggiare l’emergenza Coronavirus sul piano della didattica.

Ancora più indicativo risulta il calcolo per province (grafico n.2). Infatti, considerando le dieci città più grandi d’Italia, non è la città di Roma ad avere il maggior numero di fondi, ma Napoli. Questo, grazie soprattutto all’indicatore Ocse Escs, che ha dato il via libera a ben 5,8 milioni di euro per il capoluogo campano.

GRAFICO 2

Poi, c’è proprio Roma, con 5 milioni, Milano con 3,5, Torino con 2,8, Bari con 2,7, Palermo con 2,3 e Catania con 2 milioni.

TOP 3

Napoli 5,8 milioni

Roma 5 milioni

Milano 3,5 milioni

“Abbiamo scelto un criterio che ci consentirà di raggiungere meglio le zone del Paese e le famiglie dove c’è maggiore necessità – ha sottolineato la ministra Azzolina –. Queste che distribuiamo sono risorse importanti per la scuola con cui oggi rispondiamo a un’emergenza, ma attraverso cui gettiamo anche le basi per il futuro”.

Didattica a distanza: le 10 scuole che hanno ricevuto più fondi

Ma qual è la scuola che ha ottenuto più fondi? Lo spieghiamo con il grafico n.3. Si tratta dell’istituto “Pietro Piazza” di Palermo (2.357 alunni con 115 classi) con 20.347 euro; poi c’è l’istituto comprensivo “Cilea-Mameli” di Caivano, in provincia di Napoli con 17.326 euro (ben 5 plessi).

Al terzo posto si colloca l’istituto professionale “Karol Wojtyla” di Catania con 17.249 euro (1453 alunni per 77 classi)

Si tratta di istituzioni scolastiche dove, evidentemente, le necessità degli alunni e le emergenze previste dagli altri parametri indicati dei dirigenti scolastici, risultano particolarmente forti.

Nella top 10 troviamo altre quattro scuole della Campania, due della Sicilia, tre della Toscana e una dell’Emilia Romagna.

GRAFICO 3

Leggi la nostra intervista ai dirigenti scolastici di Palermo e Catania.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA NOTA MINISTERIALE n.562 con le istruzioni operative  

Decreto Ministeriale n. 186 del 26 marzo 2020

Decreto contenente i criteri di riparto delle risorse finalizzate alla pulizia straordinaria degli ambienti scolastici ai sensi dell’art. 77 del Decreto-legge n.18 del 17 marzo 2020

Decreto Ministeriale n. 187 del 26 marzo 2020

Decreto di riparto dei fondi e degli assistenti tecnici a tempo determinato ai sensi dell’articolo 120, comma 5 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 e misure per l’emergenza

Allegato 1 (riparto delle risorse per le scuole)

Allegato 2 (assistenti tecnici)