Home Contratti Diminuiscono le risorse per le scuole nelle aree a rischio a.s. 2014/2015

Diminuiscono le risorse per le scuole nelle aree a rischio a.s. 2014/2015

CONDIVIDI

Con la Nota prot. n. 5632 del 7 ottobre 2014 il Miur ha trasmesso agli Uffici scolastici regionali l’ipotesi di CCNI sottoscritta il 16 settembre scorso, concernente i criteri e i parametri di attribuzione delle risorse per le scuole riguardante l’utilizzo delle risorse finanziarie per progetti relativi alle aree a rischio, a forte processo immigratorio e per contrastare la dispersione scolastica e l’emarginazione sociale, di cui all’art.9 del vigente CCNL 2006/2009, per l’anno scolastico 2014/2015.

In sostanza sono stati confermati i parametri di tipo sociale, economico, sanitario, culturale, nonché quelli relativi all’incidenza della criminalità assunti dall’ISTAT e da altri Istituti competenti, e gli indicatori riferiti al sistema scolastico sia per la dispersione scolastica sia per gli alunni stranieri, già utilizzati negli anni pregressi. Questo ha consentito di procedere ad una coerente e rapida ripartizione delle risorse finanziarie a livello regionale.

Icotea

Anche per il corrente anno scolastico, le rimesse finanziarie saranno effettuate direttamente dalla Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie, secondo la procedura del cedolino unico, e saranno attribuite direttamente alle istituzioni scolastiche, i cui progetti risultino approvati.

Le risorse finanziarie a disposizione per l’anno scolastico 2014-2015 per le scuole collocate nelle aree a rischio educativo, con forte processo immigratorio e contro la dispersione scolastica sono determinate nella somma complessiva pari a €. 18.458.933,00, importo che è diminuito rispetto agli anni precedenti e per tale ragione impegna maggiormente codesti Uffici Scolastici Regionali nelle azioni di selezione e distribuzione delle risorse.

Il Miur raccomanda di procedere rapidamente all’avvio della contrattazione per la stipula dei contratti integrativi regionali con le OO.SS., che saranno definitivamente sottoscritti all’esito della procedura di certificazione del contratto integrativo nazionale.

Contestualmente gli Uffici scolastici dovranno comunicare alle scuole l’avvio rapido delle procedure di presentazione dei progetti. Sarà cura degli organismi, commissioni o comitati regionali selezionare e valutare i progetti presentati dalle scuole.

A conclusione delle operazioni di selezione e valutazione dei progetti, gli uffici scolastici regionali dovranno informare tempestivamente le scuole e trasmettere al Miur gli elenchi definitivi, contenenti nominativi, codici e importi corretti delle scuole, nonché l’atto negoziale regionale.

Le azioni progettuali dovranno essere realizzate dalle istituzioni scolastiche selezionate entro il corrente anno scolastico. La documentazione di monitoraggio dei progetti e delle azioni e degli esiti in termini di successo e insuccesso scolastico e formativo (Scheda B), dovrà essere trasmessa al Miur, a cura degli U.s.r., entro il 10 luglio 2015.

Alla nota in commento sono allegati:

  1. SCHEDA x USR_TABELLA A_2014-2015, che sarà compilata da ogni USR con l’elenco analitico delle scuole ammesse al finanziamento per l’anno scolastico 2014-2015;
  2. SCHEDA x USR_TABELLA B_2014-2015, che sarà compilata da ogni USR con i dati di sintesi dei progetti realizzati nel proprio territorio regionale e dati relativi ai fattori di rischio e dispersione;
  3. Art.9_TABELLA C_2014_2015, che sarà compilata da ogni scuola assegnataria del progetto e inviata in formato excel, sia per la tipologia A (progetti x aree a rischio) che per la tipologia B (progetti per il forte processo immigratorio), all’USR di appartenenza.