Home Attualità Disturbi e disagio mentale. I giovani in crisi dopo un anno di...

Disturbi e disagio mentale. I giovani in crisi dopo un anno di Dad

CONDIVIDI
  • Credion

Pandemia e giovani. Tra i tanti danni che sta provocando il Covid, ci sono quelli psicologici che colpiscono gli adolescenti. Da quando le chiusure scolastiche hanno lasciato a casa una gran parte di studenti, soprattutto delle scuole superiori, la salute mentale dei giovani è entrata sempre più in crisi. La Dad, la socialità perduta, l’isolamento in una stanza e i problemi di convivenza in famiglia hanno scatenato irascibilità e comportamenti impulsivi. Ne consegue che alcuni reparti di neuropsichiatria infantile risultano pieni, con accessi raddoppiati rispetto a un anno fa e i giovani aspettano giorni nei pronto soccorso.

Alcuni studi, non solo in Italia ma anche in Europa, dimostrano che durante la prima ondata gli atti di autolesionismo, tra marzo e aprile 2020, sono aumentati dal 50% al 57% con un’incidenza in crescita degli intenti suicidi e dell’isolamento. Le patologie sono diverse, abulia, depressione, crollo della concentrazione, dell’autostima, ansia e autolesionismo. I maschi tendono all’aggressività verso il resto della famiglia, le femmine alla scarsa autostima e un attacco al corpo. La percentuale del 30,9 dei bambini è ad alto rischio di disordine da stress post-traumatico.

Icotea

Ciò che emerge è che il disagio mentale covasse da prima del Covid poiché i farmaci contro i disordini dell’attenzione erano prescritti anche nel pre pandemia.

I più giovani mostrano sempre più bisogni e vedono sempre meno risorse. Servono maggiori servizi di salute mentale e maggiore personale con competenze. Uniti al ritorno a scuola e al recupero del tempo perduto.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook