Home Attualità Donne mamme discriminate, il sindacato sta con il Papa

Donne mamme discriminate, il sindacato sta con il Papa

CONDIVIDI

Le donne mamme continuano ad essere discriminate in ambito lavorativo: lo ha detto di recente Papa Francesco, lo ha ribadito il segretario generale Cisl, Annamaria Furlan.

“Ha ragione Papa Francesco con le sue sempre illuminanti e sagge parole: ci sono ancora tante donne in Italia discriminate a causa della maternità o che non riescono a conciliare il lavoro con la famiglia, spesso senza le giuste tutele assistenziali, previdenziali e per la cura dei figli. Ecco perchè noi ci riconosciamo con profonda convinzione nell’appello del Pontefice: le donne hanno non solo il diritto di lavorare ma anche il diritto alla maternità”.

Icotea

Furlan sostiene che “dobbiamo fare tutti di più per le donne e per il diritto alla maternità; istituzioni, imprese, sindacati. Anche il mondo dell’informazione, della cultura e della scuola possono dare un contributo importante per favorire l’armonizzazione tra lavoro e famiglia. Altri paesi europei si occupano e garantiscono meglio di noi questi diritti, con politiche specifiche, servizi più efficienti e destinando più risorse alla famiglia”.

 

{loadposition bonus}

 

Come ha sottolineato Papa Francesco, il leader della Cisl, sostiene che bisogna “migliorare la qualità della vita dei lavoratori significa anche migliorare la qualità delle imprese, favorendo la corresponsabilizzazione e la partecipazione nell’interesse comune. Questa è una delle sfide sociali e culturali di questa stagione, che la Cisl rilancia a tutti gli interlocutori istituzionali politici e sociali per dare dignità al lavoro, favorire ancora di più l’occupazione delle donne e dei giovani, battersi per una società dove la maternità della donna sia considerata una opportunità di crescita e di sviluppo per la società”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola