Home Sicurezza ed edilizia scolastica Edilizia scolastica, il Rapporto della Fondazione Agnelli

Edilizia scolastica, il Rapporto della Fondazione Agnelli

CONDIVIDI

La Fondazione Agnelli ha realizzato il Rapporto sull’Edilizia Scolastica, che sarà pubblicato a gennaio da Editori Laterza, tenendo conto di tutte le dimensioni rilevanti, per mettere a fuoco il futuro degli edifici scolastici in Italia.

Il Rapporto si fonda su analisi approfondite e inedite per fornire indicazioni di policy in vista degli interventi necessari all’edilizia scolastica nei prossimi anni.

La presentazione nazionale si è svolta a Torino, mercoledì 27 novembre, presso la Scuola Media Enrico Fermi, interamente ristrutturata dal progetto Torino fa Scuola (https://www.fondazioneagnelli.it/2019/11/26/rapporto-sulledilizia-scolastica-a-torino-la-presentazione-nazionale/ ).

ICOTEA_19_dentro articolo

Il rapporto parte dalla fotografia dello stato dei luoghi.

Gli edifici scolastici in Italia, ci racconta l’Anagrafe dell’edilizia scolastica del Miur, sono circa 40mila; hanno un’età media avanzata (52 anni) e in due casi su tre sono stati costruiti più di 40 anni fa. Molte scuole sono fragili e insicure, edificate senza attenzione ai criteri antisismici e con l’impiego di materiali scadenti (http://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/edilizia-scolastica-per-la-sicurezza-servono-200-miliardi-di-euro.flc ). Con diverse carenze sia nelle strutture portanti, sia negli impianti; così come sono numerosi i casi in cui non sono state adottate misure per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Non solo. Sia gli edifici degli anni Settanta sia quelli antecedenti mancano dal punto di vista della sostenibilità ambientale e dell’efficienza energetica: materiali non isolanti, vetrate e infissi che disperdono il calore, fonti di riscaldamento o raffreddamento inquinanti e inefficienti.

CONDIVIDI