Home Attualità EdUgame-l’Europa a scuola, percorso formativo per le scuole superiori della Sicilia

EdUgame-l’Europa a scuola, percorso formativo per le scuole superiori della Sicilia

CONDIVIDI

C’è tempo fino al 20 giugno per iscriversi all’edizione 2020/2021 di EdUgame – l’Europa a scuola, il percorso ludico e didattico-informativo on-line realizzato nell’ambito della Strategia di comunicazione del PO FSE Sicilia 2014-2020 e destinato agli istituti scolastici superiori della Regione Siciliana.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare il mondo della scuola sul ruolo dell’Unione europea, delle sue politiche e dell’impatto del Fondo Sociale Europeo sulla vita dei cittadini, promuovendo una maggiore consapevolezza in un’ottica di partecipazione attiva.

Le edizioni del percorso sono due, una per l’anno scolastico 2020/21 e l’altra per il 2021/22; a ciascuna delle edizioni potranno iscriversi fino a un massimo di 1.000 studenti delle quarte classi superiori che, attraverso le attività di informazione e formazione, conosceranno l’UE, potranno partecipare al dibattito in corso sul futuro dell’Europa e familiarizzeranno con pratiche di democrazia deliberativa e di monitoraggio civico degli interventi cofinanziati dal Fondo sociale europeo sul territorio siciliano.

ICOTEA_19_dentro articolo

Come dice lo stesso nome, il percorso didattico si basa su una logica di gioco e sull’utilizzo di strumenti innovativi e dei social media come Youtube e Instagram.

Le tappe previste sono 5, dureranno complessivamente 20 ore e si svolgeranno nel periodo settembre – dicembre 2020: “Approcciamo l’Europa”, “Euroquiz”, “L’Europa che vorrei in Sicilia”, “La caccia al tesoro” e “UE e Sicilia”.

Per maggiori informazioni e per la presentazione delle domande di partecipazione al percorso EdUgame “L’Europa a scuola” per l’anno scolastico 2020/2021 i docenti devono inviare la propria candidatura utilizzando l’apposito formulario online disponibile sul sito www.sicilia-fse.it alla pagina https://bit.ly/3fWRKNo  entro le ore 18:00 del 20 giugno 2020.

Per informazioni è possibile scrivere a [email protected]

CONDIVIDI