Home Alunni Esami di Stato: tanti studenti non sanno nemmeno la data di inizio

Esami di Stato: tanti studenti non sanno nemmeno la data di inizio

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Circa 4 diplomandi su 10 non conoscono la data di inizio degli esami di Stato: lo rende noto un sondaggio di Skuola.net, effettuato su 3500 studenti all’ultimo anno delle superiori.

Nemmeno la più pallida idea

Solo il 63% dunque sa con esattezza in che giorno inizieranno gli scritti, il 10%  che è verso la metà del mese ma non saprebbe dire di preciso quando, il 9% si confonde con la data della seconda prova, il 4% indica un’altra data, mentre, colmo dei colmi, un altro 14% confessa apertamente di non averne la più pallida idea.

Stesso discorso sulle tipologia degli esami: solo il 56% del campione conosce la tipologia, mentre il 10% dimentica il tema d’attualità, il 12% quello storico, il 7% addirittura entrambi (7%).

ICOTEA_19_dentro articolo

I punteggi? Che sono

E sui punteggi? Stesso discorso:  il 60% dei maturandi sostiene che la quota salvezza sia fissata a 12 punti, l’8% a 9 punti, e il 20% non lo sa. Solo il 12% risponde correttamente.

Discorso simile per il colloquio orale: solamente 1 su 3 conosce il valore dei voti agli esami di Stato, mentre il 57% è convinto che il voto minimo sia 18 e il 10% che sia 22.

La commissione? Cos’è?

Ma non finisce qui, secondo il sondaggio di Skuola.net: solo 6 su 10 – il 61% – sono consapevoli che la commissione è formata da un presidente esterno e da sei commissari (3 interni e 3 esterni).

L’11% pensava fossero otto (4+4) ma con il presidente interno. L’8% solo il presidente interno e sei commissari tutti esterni. Il 4% aumenta di quattro unità la formula giusta: presidente esterno e 10 membri (5 interni e 5 esterni).

Le tracce? Chi le elabora?

Alla domanda poi su chi scelga le tracce del secondo scritto, diverse per ogni indirizzo, i numeri non si spostano: solo il 67% sa che se ne occupa direttamente il Miur. Per l’11% è invece una prerogativa della commissione. Assurdo quello che dice il 7%: non decide nessuno, si segue la regola dell’alternanza.

E ancora. Per il 23% la Terza prova scritta la sceglie il Miur, mentre per meno della metà dei diplomandi intervistati solo il 48% sa che è la commissione a decidere le domande.

A discolpa dei ragazzi

Tuttavia a discolpa dei ragazzi, secondo Skuola.net, solo il 58% ha svolto più di una simulazione di prima prova, mentre il 25% una soltanto e il 17% non si è mai esercitato in classe.

Non cambia di molto il quadro per la seconda prova: il 47% ha svolto diverse simulazioni, il 34% solo una, il 12% nessuna.

Leggermente meglio con le terze prove: il 70% ha cercato di prendere le misure con il quizzone numerose volte, o almeno una il 17%.

Quasi nessuno – appena il 20% – ha invece provato a ricreare l’atmosfera del colloquio orale.

Preparazione concorso ordinario inglese