Home I lettori ci scrivono Esami di Stato? Una proposta per migliorarli

Esami di Stato? Una proposta per migliorarli

CONDIVIDI
Vorrei dare una mia opinione sul tema degli Esami di Stato  Ho letto l’articolo pubblicato sul Vostro giornale online in data 11 giugno, riguardante i punti sull‘inutilità dell’Esame di Stato.

Ecco come la penso io:

Icotea

1) I voti non sono realistici. Alcuni docenti interni, a giugno valutano l’alunno con “non più di 8” e poi all’esame vogliono farlo arrivare a 100 a tutti i costi. Inoltre alcuni alunni riescono a copiare, pur nella vigilanza…..

2) Non ha senso rifare le “interrogazioni orali” davanti alla commissione, dato che già sono state fatte a conclusione dell’anno scolastico nelle varie discipline

3) L’Esame è uno stress inutile per gli alunni e un dispendio economico per la Scuola.

Ecco invece come lo trasformerei io:

1) I crediti degli ultimi tre anni si moltiplicano per un fattore numerico, raggiungendo il punteggio base

2) Si esegue solo una prova ministeriale tipo INVALSI, a scelta multipla su tutte le discipline

3) Non si svolgono prove orali, ma l’alunno espone un proprio lavoro di tesi cartaceo o multimediale

4) Si somma il punteggio del triennio al punteggio della prova INVALSI e si aggiunge un bonus di 5 punti (al massimo) per il lavoro di tesi.

Esempio di punteggi: Credito del triennio moltiplicato per 3 = max 75

INVALSI max 20 e Tesina max 5. Quindi massimo punteggio 75+20+5=100

 

Raggiungendo il 100 come massimo punteggio. Tralasciando la lode attribuita a discrezione della commissione, che spesso crea disparità di trattamento. Sono anni che propongo questa mia riforma dell’ESAME e sono anni che svolgo la funzione di commissario interno/esterno, notando tutte le note negative dell’attuale Esame di Stato. Ma nessuno ascolta la mia voce!