Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Far crescer il tempo pieno”

“Far crescer il tempo pieno”

CONDIVIDI


E’ in corso di svolgimento una raccolta di firme in difesa del "tempo pieno" nella scuola. I tagli agli organici, infatti, impoveriscono molte esperienze di "tempo pieno" e in alcuni casi le rendono impossibili.
Per tale motivo, il Centro Studi per la Scuola Pubblica (Cesp) di Bologna e il Coordinamento nazionale in difesa del tempo pieno e prolungato hanno organizzato una serie di mobilitazioni, tra cui, a livello nazionale, quella della raccolta di firme in difesa di questo modello di scuola.

Per confrontarsi sulle iniziative in atto anche in ambito locale, i firmatari dell’appello "Far crescere il tempo pieno" sono inviatati all’appuntamento fissato per sabato 7 giugno a Bologna (dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30) dal Coordinamento nazionale in difesa del tempo pieno e prolungato, che fa notare come stiano crescendo le voci di dissenso alla riforma Moratti: numerose mozioni di assemblee e di collegi dei docenti bocciano modi e contenuti di questa trasformazione che oltre a cancellare il "tempo pieno" elimina la pari dignità dei docenti attraverso l’introduzione del tutor, cioè del maestro prevalente nelle elementari.
L’incontro bolognese è così articolato: al mattino, presso l’Istituto professionale "Rubbiani", in Via Marconi 40 (a 500 metri dalla stazione ferroviaria) si farà il punto sulla raccolta di firme e sull’iter di approvazione del Decreto attuativo; nel pomeriggio, presso la saletta del Cesp, in Via San Carlo 42, si parlerà delle iniziative da intraprendere a livello locale e nazionale durante l’estate e alla riapertura delle scuole.

Per maggiori informazioni: e-mail [email protected]; oppure, presso il Cesp di Bologna: tel. e fax 051/241336; e-mail [email protected].  

Icotea