Home Politica scolastica Faraone: 600mila precari. Apprezzamento per Giannini

Faraone: 600mila precari. Apprezzamento per Giannini

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Davide Faraone, ex sottosegretario all’Istruzione, ospite di Radio 24, rispondendo alla domanda sui motivi per i quali Stefania Giannini sia sta l’unica del vecchio governo a perdere la poltrona ha detto: “Esprimo il massimo apprezzamento nei confronti di Stefania, con la quale ho condiviso un percorso e sono d’accordissimo con te che quando si parla di errori non si tratta di affibbiare ad una sola persona le responsabilità ma semmai di condividerle. Dopo di che, l’ambito della scuola è il compito più delicato, più complesso da affrontare e noi potevamo decidere di gestire questa fase qui galleggiando, con un governo che non si poneva il problema della chiusura del precariato o del bisogno di una riforma. Abbiamo invece accettato il rischio di fare una riforma grande. Io credo che questa riforma verrà apprezzata più nel tempo di quanto non sia accaduto oggi, perchè abbiamo finalmente introdotto l’alternanza scuola-lavoro, anche se se ne parla pochissimo.” 

 

{loadposition eb-stato-giuridico}

ICOTEA_19_dentro articolo

 

Ha poi specificato, a proposito dei precari: “I precari sono persone che, comunque, hanno avuto un’aspettativa della carriera scolastica e sono circa 600mila. Perciò anche quando decidevamo di assumerne 180 mila, erano un terzo di quelli che si erano costruiti quell’aspettativa. E’ chiaro, dunque, che quando tu prendi una decisione come questa e lo fai nell’interesse esclusivo del Paese, della continuità didattica e anche di chi non può rimanere per vent’anni come precario della scuola, ti prendi il rischio di altre 400mila persone che stanno fuori e che non possono continuare quel percorso lavorativo, quelli che si devono trasferire. E allora noi dovevamo stare lì a governicchiare?”

Preparazione concorso ordinario inglese