Home Estero Fauci: boom di obblighi a vaccinarsi in Usa

Fauci: boom di obblighi a vaccinarsi in Usa

CONDIVIDI
  • Credion

Anthony Fauci, immunologo statunitense, scienziato e capo dell’istituto statunitense National Institute of Allergy and Infectious Diseases, è stato chiaro riguardo alla diffusione del Covid e alle operazioni di vaccinazione, affermando che non appena gli Usa daranno approvazione ‘piena’ a uno o più dei vaccini anti-covid19 -sinora autorizzati solo secondo procedure di emergenza dalla Food and drug administration –  si assisterà ad una “inondazione” di mandati obbligatori per i lavoratori di tantissimi settori ad immunizzarsi contro il virus. 

Obbligo di vaccinarsi dunque anche in Usa e a quanto pare senza tentennamenti;  infatti, secondo il massimo esperto americano di covid, “college, scuole, aziende private, gruppi imprenditoriali, ospedali  e cosi via, si sentiranno più protetti anche a livello locale nel richiedere la obbligatorietà delle vaccinazioni per i loro dipendenti”. 

Icotea

Fauci ha anche sottolineato che “si vive in una sorta di mondo distopico con il pubblico sommerso da bugie e disinformazione” sul covid e i vaccini.

Ma non solo, secondo quanto si legge sulle agenzie, Fauci è convinto  che alcune persone avranno bisogno di dosi di richiamo per proteggersi dal coronavirus e che soprattutto le persone con sistema immunitario compromesso probabilmente non avranno una forte risposta immunitaria e che la protezione del vaccino ha dimostrato di “attenuarsi” nel tempo. 

Ha poi  aggiunto che le dosi di richiamo verranno probabilmente somministrate per primi agli anziani e agli immunodepressi, aggiungendo che ciò accadrà “non appena i dati ci arriveranno”.

Ma è stato pure chiaro nel sostenere che chiunque sia vicino a un bimbo dovrebbe essere vaccinato e dunque in primo luogo i docenti: “Chiunque sia vicino ad un bambino dovrebbe essere vaccinato, e proprio in quello che dovrebbe essere l’ambiente protetto per antonomasia per i più piccoli, ossia la scuola” e poi ha ribadito di essere assolutamente in favore delle scuole in presenza per i ragazzini americani a partire da settembre. Ma le condizioni affinché ciò avvenga senza rischiare la salute dei bambini devono essere stringenti: vaccini per chiunque sia a contatto con loro e mascherine obbligatorie. Con la variante Delta in continuo aumento nel Paese, e la sua capacità di contagiare i più piccoli in apparenza più delle precedenti versioni del Sars-Cov2, si possono fare passi falsi: “Per me vaccinare tutti gli adulti vicini ai bambini è senso comune, eppure anche per altre misure come  l’uso delle mascherine nelle scuole assistiamo a reazioni e ribellioni come in Florida. Non ha senso non voler proteggere i bambini.”