Home Attualità Festa insegnanti. 8 su 10 rifarebbero questa stessa scelta occupazionale

Festa insegnanti. 8 su 10 rifarebbero questa stessa scelta occupazionale

CONDIVIDI
  • Credion

Il docente italiano è soddisfatto della propria professione“. Ce lo spiega il sociologo Gianluca Argentin, ospite della kermesse della Tecnica della Scuola con cui abbiamo voluto celebrare la Giornata mondiale del docente.

“Molte indagini ci dicono che gli insegnanti rifarebbero la scelta occupazionale che hanno fatto – continua il sociologo -. Più dell’80% risponde così e anche quando confrontiamo gli insegnanti con altri occupati di pari livello occupazionale, vediamo che gli insegnanti sono mediamente più soddisfatti del proprio impiego rispetto agli altri, 8 e mezzo contro 7 e mezzo. Una soddisfazione che mostra una grande stabilità nel tempo. Negli ultimi 7-8 anni sono rimasti soddisfatti del proprio lavoro”.

Icotea

Una soddisfazione che affonda le radici in ragioni diverse, secondo le diverse ricerche sul tema: “Ci sono insegnanti gratificati dal porre attenzione ad un singolo gesto o a essere esemplari – riferisce il sociologo – in una sorta di dimensione vocazionale, ma sul fronte opposto dobbiamo ricordare che ci sono insegnanti che trovano soddisfazione grazie al fatto che la scuola è una grande burocrazia in cui c’è posto per tutti, anche per chi voglia limitare il proprio coinvolgimento all’essenziale. Insegnare in alcune scuole permette ad esempio di fare un altro lavoro e di mantenere una presenza minimale”.

“Dunque una professione che dà soddisfazione a una vasta popolazione ma in modo diverso”.

E conclude: “Noi dobbiamo fare in modo che la soddisfazione derivi dall’amore per il proprio lavoro e dal fare il proprio lavoro con amore e non dal trovare scorciatoie al ribasso che dobbiamo cercare di evitare nella scuola”.

La kermesse della mattina

La kermesse pomeridiana

Il programma dell’evento

Nella mattinata di martedì, dalle ore 11.00, abbiamo dialogato sul tema Il mestiere del docente, dalla passione della prima cattedra al logoramento dei lunghi anni di precariato con interventi e interviste a molti ospiti, tra cui l’attrice Lucia Sardo, la scrittrice Cristina Cassar Scalia e l’attore del duo comico Ficarra&Picone, Valentino Picone.

Durante il talk, sono intervenuti in diretta Maria Zambrotta e Daniele Manni, docenti e vincitori del Global Teacher Award, la scrittrice e insegnante Marinella Fiume e il direttore di Skuola.net Daniele Grassucci.

Nel pomeriggio, dalle ore 15.00, invece, si è discusso su: La carriera del docente, dal ruolo alla pensione, tra slanci pedagogici e delegittimazioni. In apertura la video intervista alla scrittrice Dacia Maraini e a seguire gli interventi di Francesco Costa, giornalista e vice direttore del Post e Paolo Maria Noseda, scrittore e interprete (Che tempo che fa, Raitre). Sono intervenuti in diretta: il sociologo Gianluca Argentin, i docenti e influencer Maria RuggiSandro Marenco e Adriano Di Gregorio.

A moderare gli incontri Alessandro Giuliani, direttore della Tecnica della Scuola, e la redattrice Carla Virzì.