Home Archivio storico 1998-2013 Generico Finanziamenti scuole aree a rischio

Finanziamenti scuole aree a rischio

CONDIVIDI
  • GUERINI
Già l’importo dell’acconto, assegnato alla diverse Direzioni scolastiche regionali, dei finanziamenti per i progetti per le aree a rischio e a forte processo immigratorio, era stato comunicato dal Miur a seguito dell’intesa del 6 febbraio scorso.
Dopo la recente intesa del 3 aprile, viene reso noto l’importo a saldo dell’intera cifra. La “ipotesi di contratto collettivo integrativo nazionale sui criteri e parametri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate in aree a rischio educativo, con forte processo immigratorio e contro la dispersione scolastica per l’anno 2012/2013” è stata firmata da Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals-Confsal e Gilda-Unams, ma non dalla Flc Cgil che peraltro non aveva firmato né la precedente intesa sulla aree a rischio né quella del 30 gennaio relativa alle assegnazioni alle istituzioni scolastiche di un acconto sulla risorsa finanziaria per il finanziamento del Mof per l’a.s. 2012/2013.

La Federazione dei lavoratori della conoscenza osserva infatti come “anche il finanziamento di questo progetto ha subito un forte taglio di risorse rispetto allo scorso anno (un 20% in meno circa), per effetto del contratto separato sottoscritto all’Aran sugli scatti” e la Flc Cgil “non ha sottoscritto neanche questa intesa perché figlia dell’accordo non sottoscritto all’Aran sul taglio del Mof”.
L’accordo sulle risorse per i progetti relativi alle aree a rischio, rideterminate dopo la riduzione per pagare gli scatti di anzianità (a seguito della firma definitiva del Ccnl all’Aran lo scorso 13 marzo) in 42.060.000 euro per l’anno scolastico 2012/2013 (lo scorso anno erano stati stanziati euro 53.195.060), riconferma i criteri di riparto delle risorse finanziarie a livello regionale, già utilizzati nel precedente anno scolastico: parametri di tipo sociale, economico, sanitario, culturale e di incidenza della criminalità assunti dall’Istat e da altri istituti e indicatori per dispersione scolastica ed alunni stranieri relativi all’a.s. 2011/2012.
All’ipotesi di Ccni è allegata una tabella di riparto regionale delle risorse complessive relative all’anno scolastico 2012/2013.