Floridia (M5S): “Concorso ordinario già bandito. Selezione resta” [VIDEO INTERVISTA]

CONDIVIDI

“Il concorso ordinario è stato già bandito. I titoli sono prerequisito per parteciparvi, ma resta la selezione. Gli anni di servizio oltre ai titoli culturali e all’esperienza professionale saranno valutati solo ai fini del punteggio finale”.
Il sottosegretario all’istruzione Barbara Floridia, del Movimento Stelle, nel corso di un’intervista alla Tecnica della Scuola chiarisce così la norma sulla semplificazione dei concorsi pubblici, che, con l’articolo 10 del decreto legge 44, non dovrebbe prevedere più un quiz preselettivo per ridurre il numero dei candidati che accedono effettivamente alle prove concorsuali.

“Nel decreto legge 44 del 1°aprile l’articolo 10 definisce le modalità dei concorsi pubblici in generale, quindi anche quelli della scuola. Questo articolo norma l’espletamento di tutti i concorsi in sicurezza e in velocità – spiega Floridia – viste le necessità plurime che abbiamo. Bisogna assumere più personale possibile nella scuola e nella P.A. con procedure rapide, ma per accedere ai concorsi bisogna ovviamente essere in possesso dei titoli che sono prerequisiti per accedere a quello stesso concorso. Solo dopo l’espletamento delle prove, si prenderanno in considerazione anche titoli di servizio, nonché esperienza professionale”.

Icotea

E sulla possibilità, dunque, di cambiare le modalità di reclutamento del concorso ordinario, già bandito, non ha dubbi: “Il concorso ordinario è stato già bandito e così come scritto nell’art. 10, comma 1, lettera C valutazione dei titoli, legalmente riconosciuti, serve ai fini dell’ammissione. Tutti gli altri – ribadisce il Sottosegretario pentastellato – verranno valutati dopo”.

L’ INTERVISTA INTEGRALE

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook