Gestione contagi nelle scuole, fra difficoltà, proteste e ricorsi

CONDIVIDI
  • Credion

Nei prossimi giorni prenderà avvio alla Camera l’esame del decreto legge n. 1 del 7 gennaio scorso, che introduce nuove disposizioni in materia di gestione dei casi positivi nel sistema scolastico.
Il dibattito si preannuncia già molto vivace su diversi punti perché non tutte le regole decise dal Governo riscuotono il consenso delle forze politiche.
Una fra tutte è la disposizione per la quale nella scuola secondaria, in caso di due studenti positivi, si dovrà attivare la didattica a distanza per gli studenti non vaccinati, mentre tutti gli altri potranno continuare a frequentare in presenza.
Proprio su questo è intervenuta nei giorni scorsi la sottosegretaria del M5S Barbara Floridia che ha bollato come discriminatoria la misura.
Ma ci sono anche molte altre questioni a partire dai margini di intervento riservati alle Regioni e agli Enti Locali, tema sul quale in queste ore si sta aprendo un vero e proprio scontro istituzionale.
I casi più clamorosi si stanno verificando in Campania e in Sicilia con ordinanze regionali bloccate dal TAR o con ordinanze dei sindaci che contraddicono le decisioni regionali.
Insomma c’è parecchia confusione e in tutto questo Governo e Ministero fanno fatica a tenere la “barra dritta”.

Di tutto questo e altro ancora si parla nel nostro VIDEO odierno.