Home Attualità Giannini: “La società andrà dove la porterà la scuola”

Giannini: “La società andrà dove la porterà la scuola”

CONDIVIDI

La ministra dell’Istruzione, Stefania Giannini, in visita alla Cittadella del cinema del Giffoni Film Festival, incontrando i 750 giovani giurati della sezione Generator +13, ha detto: “A Giffoni 45 anni fa è stato piantato un seme che adesso è diventato una foresta rigogliosa”.  Ai giovani “non descriverò il futuro – aggiunge prima di raggiungerli in Sala Truffaut – ma dirò come la scuola deve prepararli ad un futuro che è pieno di incognite. Parlerò di una scuola aperta che fa dell’inclusione il proprio punto di riferimento, il modello. Darò due parole chiave: cooperazione e competizione. La scuola è ma deve continuare ad essere il luogo nel quale si socializza e si cresce insieme ma anche il luogo nel quale si acquisiscono competenze e nascono le eccellenze, perché la società in futuro andrà dove la porterà la scuola”.

Parole ineccepibili quelle della ministra Giannini che però avrebbe dovuto aggiungere che la scuola, non solo è specchio della società, ma è anche scolpita sulle forme che i governi intendono adottare, quando non si ascolta per esempio chi la scuola ogni giorno la fa e la costruisce.  E infatti, proprio per chiarire questo concetto, e cioè di non disturbare il macchinista, la ministra ha aggiunto:  “Ogni volta che si cerca di introdurre un modello innovativo, e io sto cercando di fare questo assieme al Governo, si trova sempre una resistenza inerziale. Fare in modo che l’innovazione diventi trasformazione, non è cosa facile, ma è importante che sia trasformato ciò che si voleva trasformare”.

Icotea

“La mia sfida è vincere le resistenze al cambiamento, che non è cosa da poco, ogni giorno si fa questo – aggiunge – si tratta di resistenze non sempre frutto di un disegno che si oppone, ma frutto dell’inerzia dei processi”.

Ma la ministra si è espressa anche sul tema – assai dibattuto – della chiamata diretta. “Aspetto cruciale, che interessa la selezione degli insegnanti. Mette un punto di novità: da una parte il fabbisogno della scuola, dall’altro il dirigente scolastico che si assume la responsabilità di convocare sulla base di criteri chiari e trasparenti”.

Da Giffoni Valle Piana, capitale del cinema per ragazzi ma anche osservatorio sul mondo, la ministra Giannini si è  soffermata sulla “situazione drammaticamente inquietante che si vive in Turchia”, riferendosi alla sospensione della Convenzione sui diritti umani.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

“Voi che fate? Pensate? Innovate?”, ha detto pura Giannini rivolgendosi ai giovani. E la risposta non s’è fatta attendere: “Noi in verità pensiamo di innovare innanzitutto la scuola partendo dal tesoro di Giffoni. Vogliamo creare progetti – hanno detto i suoi giovani interlocutori – vogliamo affrontare temi importanti quali razzismo, inclusione, omosessualità utilizzando tutti gli strumenti a disposizione degli Istituti, le Lavagne Interattive Multimediali”.

La ministra ha ascoltato e poi ha sottolineato: “Le LIM ormai sono preistoria. Non bastano quelle, occorrono avanguardia, tecnologia, eccellenza. Contiamo con le prossime risorse – circa 1 miliardo di euro – di garantire connettività a tutti gli Istituti scolastici. Nel 2013 eravamo al 32%, adesso oltre la metà”.