Home Attualità Giovani capitani nautici crescono: quando l’impegno nello studio diventa eccellenza

Giovani capitani nautici crescono: quando l’impegno nello studio diventa eccellenza

CONDIVIDI
  • Credion

I corsi di Conduzione del Mezzo Navale (Capitani)  sono riconosciuti come tra i più prestigiosi negli istituti tecnici navali. Questi corsi offrono a chi li frequenta con profitto la possibilità di imbarcarsi come Allievo Ufficiale di Coperta e di raggiungere il ruolo più alto della gerarchia di bordo: Comandante.

Tutto questo è dovuto a conoscenze e competenze approfondite che si concentrano in materie quali Scienze della Navigazione, Matematica, Diritto, Inglese, Fisica, Meccanica delle Macchine e per ultima ma non ultima la disciplina di Elettrotecnica, Elettronica e Automazione.

Proprio in quest’ultima materia chi scrive ha potuto ascoltare e valutare, durante gli esami di Stato svolti recentemente presso il Caio Duilio di Messina, 2 giovani eccellenze messinesi. La prima studentessa che ha dimostrato tutto il suo valore nello studio delle discipline nautiche è stata Martina Davì (vedi fotografia sezione a sinistra)

Martina dopo un paziente lavoro di progettazione e costruzione, svolto durante l’ultimo anno del percorso di studio (ha partecipato a un apposito corso di formazione),

ha presentato al cospetto della commissione d’esame  un modellino in scala di un’elica realizzata con una stampante 3D.

A tal riguardo ricordiamo un recente articolo scritto per La Tecnica della Scuola sull’utilizzo delle stampanti 3D nella didattica delle scuole italiane in cui vengono ricordati i progetti di livello nazionale: “FabLab a Scuola”, “FaberSchool” e “RepRap”.

La seconda studentessa, altrettanto preparata, è stata Giulia Fallica, che ha costruito un modellino in cartone di una imbarcazione a vela (vedi fotografia sezione a destra) interamente assemblato tramite tecniche ad incastro. Giulia sul proprio manufatto ha detto: “ La visione di un prototipo di un veliero mi ha dato l’idea di realizzare in modo personale la presentazione della mappa concettuale del mio progetto per concludere questo anno scolastico. Il tempo impiegato per costruire il modellino è stato davvero lungo,  ma il risultato mi ha pienamente soddisfatta “. Due esempi di impegno nello studio che diventano eccellenza didattica.