Home Attualità Gli alunni mangiano il panino e non vanno a mensa? Il tribunale:...

Gli alunni mangiano il panino e non vanno a mensa? Il tribunale: si può fare

CONDIVIDI

All’ora di pranzo, gli alunni hanno piano diritto di mangiare il panino portato da casa. Anche se la scuola è dotata di regolare e funzionante mensa.

A deciderlo, il 22 giugno, è stata la Corte d’Appello del tribunale di Torino, che con una sentenza ha ordinato a Comune e ministero dell’Istruzione di organizzare un servizio ristorazione per consentire di nutrirsi a scuola anche a chi si porta il pranzo da casa.

Icotea

La diatriba per il “panino libero” era partita da un gruppo di mamme due anni fa, protestando contro l’aumento del costo dei pasti.

 

{loadposition eb-clil-tutti}

 

“I giudici hanno accertato il diritto di ogni cittadino di decidere se aderire al servizio di refezione scolastica, o dotare i propri figli del pasto preparato a casa”, commenta l’avvocato Giorgio Vecchione che ha assistito le famiglie nel ricorso. La sentenza arriva ad anno scolastico finito, ma potrebbe creare problemi con la ripresa delle lezioni a settembre: i giudici di grado superiore, infatti, hanno stabilito anche che durante l’orario della mensa va “garantita la presenza di personale educativo senza costi aggiuntivi per le famiglie”, ha concluso l’avvocato Vecchione.

 

{loadposition eb-progetti}

 

 

{loadposition facebook}