Home Graduatorie Graduatorie di istituto: guida alla compilazione delle domande

Graduatorie di istituto: guida alla compilazione delle domande

CONDIVIDI

Ultimo numero della Tecnica con guida alle domande per inserimento nelle graduatorie d’istituto

E’ uscito il numero 20 de “La Tecnica della Scuola”. Sul numero grande spazio alle domande per l’inserimento nelle graduatorie d’istituto. Ricca guida con la normativa, le tabelle di valutazione dei titoli  e i modelli di domanda da staccare, compilare e presentare. Inoltre le indicazioni operative sul secondo ciclo del Tfa e molto altro ancora.

Il giornale è acquistabile tramite il nostro sito sia nella versione cartacea (clicca qui) che tramite edicola digitale (clicca qui). Inoltre la rivista è acquistabile nelle edicole di Sicilia, Calabria e Sardegna

Icotea

 

Ecco il decreto per l’aggiornamento delle graduatorie d’istituto

Scadenza presentazione delle domande il prossimo 23 giugno. Interessati mezzo milioni di precari. Si può produrre domanda ad un numero limitato di scuole della stessa provincia. La prima della lista sarà anche quella a cui inviarla. Il decreto n. 353 del 22 maggio 2014. Altre informazioni utili

 

Chi può presentare domanda. Tutte le istruzioni

Scarica il Modello A1

Scarica il Modello A2

Scarica il Modello A2/bis

 

Una nuova tabella di valutazione dei titoli

Tutte le novità per i coloro che hanno conseguito il Tfa e stanno frequentando i Pas.

Tabella di valutazione dei titoli della II Fascia – Tabella A

Tabella di valutazione dei titoli della III Fascia – Tabella B

 

Per conoscere le graduatorie in cui ci si può inserire in base al titolo di studio

Il Ministero ha da molti anni realizzato una piattaforma con lo scopo di aiutare l’aspirante supplente nella visualizzazione delle classi di concorso a cui può accedere con il titolo di studio posseduto (titoli di accesso alle classi di concorso previsti dal D.M. n. 39 del 30 gennaio 1998 e successive modifiche e integrazioni). 

Le possibilità di ricerca sono due: 

a) titolo di ammissione 

B) per classe di concorso

 

Graduatorie d’Istituto, nessuna scadenza per il modello B

Ad oltre una settimana della pubblicazione del decreto 353/2014 di aggiornamento delle graduatorie d’Istituto non è stata ancora determinata la data per la presentazione del documento, da inviare per via telematica, necessario per l’individuazione delle 10 o 20 scuole prescelte nell’ambito della provincia. 

Graduatorie di istituto, arrivano i chiarimenti sul modello B (Solo per la registrazione dei candidati su Istanze on line sul sito del MInistero e non sulla data di scadenza)

 

Domande graduatorie di istituto: a quali scuole inviarle

L’aspirante può richiedere un massimo di 20 istituzioni scolastiche, appartenenti alla medesima provincia, con il limite, per quanto riguarda la scuola dell’infanzia e primaria, di 10 istituzioni di cui, al massimo, 2 circoli didattici. Per poter inviare le domande alle istituzioni scolastiche è necessario controllare i codici meccanografici presenti nei Bollettini ufficiali delle scuole statali.

 

Graduatorie di istituto, “finestre” e precedenza assoluta

Tra gli elementi ancora non chiariti dal decreto ministeriale n. 353/2014, riguardante le graduatorie di istituto, sono le “finestre” che interesseranno coloro che nei prossimi mesi conseguiranno l’abilitazione con i Pas o i Tfa.

 

Graduatorie di istituto: come passare dalla III alla II fascia

Chi passa dalla III fascia alla II deve dichiarare nuovamente i titoli dichiarati negli anni passati (biennio 2009-2011 e triennio 2011-2014), mentre chi permane nella propria fascia di appartenenza non deve dichiarare nuovamente i titoli già dichiarati in precedenza, pena l’ESCLUSIONE dalle graduatorie.

 

Graduatorie istituto: nuova inclusione per chi non ha aggiornato per il triennio 2011-2014

Inoltre, tutti i docenti che aggiornano la domanda d’inserimento delle graduatorie d’istituto, possono essere esclusi dalle graduatorie, se ripresentano o ridichiarano, per la medesima fascia di appartenenza, i titoli culturali e di servizio già dichiarati in precedenza.