Home Attualità Graduatorie provinciali per avere in cattedra i docenti necessari a settembre. Azzolina...

Graduatorie provinciali per avere in cattedra i docenti necessari a settembre. Azzolina ci crede

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Le nuove graduatorie provinciali dovrebbero garantire la copertura delle cattedre vacanti a settembre. Parola di Lucia Azzolina, Ministra dell’Istruzione.

Infatti, nel corso dell’audizione in Commissione Cultura al Senato, la Ministra ha anche parlato delle graduatorie provinciali, di prossima emanazione: “Con la definizione delle graduatorie provinciali per le supplenze, che vedranno la luce nei prossimi giorni, contiamo entro l’inizio del prossimo anno scolastico di avere in cattedra tutti i docenti necessari al regolare avvio dell’attività didattica“.

Quindi, secondo Lucia Azzolina, ci dobbiamo aspettare una positiva riuscita dell’assegnazione delle supplenze tramite le graduatorie provinciali, il cui decreto relativo è al momento al vaglio del CSPI.

ICOTEA_19_dentro articolo

Supplenze con le graduatorie provinciali: è corsa contro il tempo

Eppure i sindacati si sono detti preoccupati per i tempi strettisimi utilizzati sia per affrontare i nodi dell’ordinanza ministeriale e sia per produrre la domanda di inserimento in queste nuove graduatorie.

I tempi concessi, come abbiamo già scritto, dovrebbero essere di soli 15 giorni estendibili al massimo fino a 20 giorni. Questo potrebbe comportare un intasamento della piattaforma Istanze Online, che già sta supportando le domande per i concorsi.

Se dovessero riscontrarsi problemi tecnici non c’è il rischio che i tempi potrebbero allungarsi ed incidere sul corretto funzionamento delle supplenze? E a quel punto, si riuscirà a coprire le cattedre previste vacanti con i supplenti se la procedura dovesse rallentare? E’ chiaro che si tratta solo di ipotesi e perplessità al momento. Ma è innegabile che stiamo parlando di una corsa contro il tempo.

Anche perché il prossimo anno probabilmente, sarà “un anno da ricordare”: su un totale di poco meno di un milione di docenti, i precari saranno più di 150 mila, con la possibilità di arrivare addirittura a quasi 200 mila.

 

Graduatorie provinciali: come funzionano

Ecco come verranno utilizzate realmente le nuove graduatorie provinciali docenti.

Prima di tutto, è bene chiarire che dopo le operazioni di immissione in ruolo, ci sarà la stipula di contratti a tempo determinato di supplenze annualisupplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche e supplenze temporanee.

Per quanto concerne il conferimento delle supplenze annuali e fino al termine delle attività didattiche (30 giugno), saranno utilizzate in via prioritaria le graduatorie ad esaurimento e, in caso di loro esaurimento o incapienza, in subordine, si utilizzeranno le GPS.

Allo stesso modo, nel caso di esaurimento o incapienza delle graduatorie provinciali 2020, saranno utilizzate le graduatorie di istituto.

Infine, per le supplenze temporanee si utilizzeranno i docenti presenti in graduatorie di istituto.

Un aspetto da evidenziare è che l’individuazione del supplente, nel caso di graduatoria ad esaurimento o graduatorie provinciale docenti è operata dal dirigente dell’amministrazione scolastica territorialmente, mentre sarà il dirigente scolastico a chiamare i supplenti da graduatoria di istituto.

 

 

Leggi anche

Graduatorie provinciali, per le supplenze ci sono anche gli studenti universitari

Graduatorie provinciali supplenze, ci saranno due fasce. Cosa c’è da sapere

Graduatorie provinciali, come e in quali casi si utilizzeranno per le supplenze

Graduatorie provinciali in arrivo: come cambiano le supplenze [VIDEO]

Preparazione concorso ordinario inglese