Home Attualità Graduatorie provinciali: situazione molto complessa a Napoli

Graduatorie provinciali: situazione molto complessa a Napoli

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Si è svolto nella mattinata del 29 settembre, presso l’ufficio di via Ponte della Maddalena,  un incontro tra le organizzazioni sindacali rappresentative e la responsabile dell’ A.T. di Napoli Dott.ssa Maria Teresa De Lisa.
Vari sono stati i temi trattati al tavolo dell’informativa sindacale, proponiamo quelli di maggiore interesse.

Per quanto riguarda l’argomento più  scottante, cioè la correzione delle GPS nella provincia di Napoli,  la Dott.ssa De Lisa riferisce che è  stata costituita un’apposita commissione che avrà il compito di  controllare tutti i  i reclami prodotti in autotutela dagli interessati,  da una  prima analisi  risulta che molti degli errori riscontrati sono dovuti ad un’ errata compilazione delle istanze da parte dei candidati. 

Intanto le scuole, come previsto dall’ O.M. 60, stanno procedendo alla convalida dei punteggi, dopo aver controllato i titoli dichiarati si provvederà man mano a inserire i punteggi corretti e le relative giuste posizioni a sistema. 

ICOTEA_19_dentro articolo

La Dott.ssa De Lise ha  sottolineato che i reclami  in autotutela vanno inviati esclusivamente alle email istituzionali previste per i vari ordini e gradi di scuola, quindi coloro che non lo hanno fatto ancora o hanno utilizzato pec e mail diverse, dovranno ora  provvedere a rinviare la loro istanza di reclamo. 

Colpo di scena per le assegnazioni provvisorie su sostegno dei docenti di ruolo  senza titolo ma con almeno un anno di servizio su sostegno, contrariamente all’informativa data alle OO.SS. la scorsa settimana,  la Dott.ssa De Lisa riferisce che l’amministrazione ha deciso che i posti residui (circa 200/250 nella scuola primaria) saranno  assegnati ai docenti  supplenti presenti nelle GPS sostegno  di II fascia (docenti con 3 anni di servizio su posto di sostegno).  
Una vera doccia fredda per quei docenti  che ancora  speravano di ritornare in extremis nella provincia di Napoli.

A questa affermazione le OO.SS. hanno protestato vivamente, richiamando la norma prevista dall’art. 7 comma 14 del CCNI. 
Le OO.SS. hanno dichiarato che prenderanno ogni possibile iniziativa,  affinché  sia rispettata ma norma prevista dal  Contratto Nazionale Integrativo sulle Utilizzazioni e Assegnazioni provvisorie, impegnando a tal fine  le loro strutture nazionali presso il MI.

Preparazione concorso ordinario inglese