Home I lettori ci scrivono Grande risonanza per il comitato Pro-Pas per docenti di ruolo

Grande risonanza per il comitato Pro-Pas per docenti di ruolo

CONDIVIDI
  • Credion

Il comitato nato in Sicilia lo scorso mese di Dicembre si è subito trasformato in un comitato nazionale che vede tra i suoi 532 iscritti, docenti di quasi tutte le regioni Italiane. I docenti chiedono parità di trattamento in tema di acquisizione di abilitazioni all’insegnamento. Chiedono infatti l’indizione di un nuovo Pas “aperto” o “riservato” ai docenti di ruolo. Prossimamente – dice il coordinatore Prof. Roberto Guastella – avremo un incontro col Senatore Fabrizio Bocchino, vice presidente della commissione istruzione del Senato al quale esporremo il disagio e l’ingiustizia perpetrata nei confronti di quanti vogliono acquisire ulteriori abilitazioni al fine di chiedere la mobilità professionale prevista dal relativo contratto.

La possibilità di poter insegnare in altre classi di concorso o in altri ordini di scuola – continua il coordinatore – ci metterebbe anche al riparo nei casi di perdente posto. Non si capisce per quale motivo la riconversione professionale debba avvenire solo da materia comune a sostegno e non viceversa o tra materie comuni là dove i posti ci sono. Per altro l’opportunità di una ulteriore abilitazione sarebbe a costo zero per lo Stato e non metterebbe in discussione il numero totale dei posti disponibili per le prossime immissioni in ruolo in quanto i docenti lascerebbero un posto per un altro. Siamo fiduciosi – conclude il coordinatore – che questo Governo voglia valorizzare la professionalità dei docenti evitando qualsiasi contenzioso che non gioverebbe certamente a nessuno.

Icotea