Home Alunni I bambini scrivono a Giannini: “Serve una scuola che non crolli più”

I bambini scrivono a Giannini: “Serve una scuola che non crolli più”

CONDIVIDI
  • GUERINI

“A settembre faccio 7 anni e la mia scuola è crollata, me ne costruisci una nuova? Una scuola con tanti giochi e una palestra grande e calda. E che non si distrugga più!”.

E’ un passo della lettera scritta dai bambini di Amatrice assistiti dal Team Emergenza di Telefono Azzurro, consegnata nelle mani del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, in visita al presidio allestito dall’associazione. Qui, un team di psicologi e psichiatri specializzati in traumi infantili, sta lavorando su una prima fase di pronto soccorso psicologico.

Icotea

Telefono Azzurro avrà un ruolo chiave anche in vista del rientro a scuola dei bambini nei paesi colpiti dal sisma.

Forte dell’esperienza maturata durante emergenze simili dopo i terremoti in Emilia e in Abruzzo, l’associazione assisterà bambini e adolescenti ma anche genitori e insegnanti. La guida scientifica “Primo soccorso psicologico” realizzata dall’Associazione è stata indicata dal Ministro Giannini come testo di riferimento in questa situazione di emergenza.

 

{loadposition eb-abc-sicurezza}

 

A disposizione della popolazione colpita dal sisma è stato istituito dall’associazione, con il contributo del Dipartimento delle Pari Opportunità, il numero gratuito 114 “Emergenza Infanzia”.