Home Attualità I Psp contro la “criminalizzazione” della scuola meridionale

I Psp contro la “criminalizzazione” della scuola meridionale

CONDIVIDI

I Partigiani della scuola pubblica (PSP) in una nota sottolineano come “è evidente che taluna frangia giornalistica goda nell’incitare alla divisione razziale interregionale, piuttosto che registrare con soddisfazione che almeno in un settore, esista una sorta di “riscatto” meridionale.

L’attacco è diretto a un fondo de “Il Foglio”, fondato da Giuliano Ferrara, nel quale si disserta, in modo alquanto provocatorio e violento, sui voti alti agli studenti del Sud nel corso degli ultimi esami di stato. 

Icotea

“Ci piace indirizzare queste considerazioni agli E-gregi Signori che hanno fondato il Foglio, lo dirigono e scrivono articoli suggestivi come quello diffuso all’attenzione degli Italiani il dì 15 agosto, compresi quegli Italiani che non sono affatto interessati, ma, poiché Cittadini, loro malgrado partecipano al suo ingente finanziamento, dispensatogli dallo Stato. Ci piace però un po’ meno forse il fatto che, grazie all’articolo, ora sembrerebbe che qualcosa ci accomuni proprio a loro: e infatti, anche Noi, Docenti meridionali, siamo usciti dal gregge delle Capre di recente e rondoliniana memoria, per entrare, insieme ai nostri Studenti, nel branco dei Somari”.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

E la “questione” non è poi così peregrina, se solo si pensa, che, piaccia o no a certi colti intellettuali del nord, il sud ha sempre dato dei punti: studiare, tanto e bene, al sud, per ragioni storiche è nato forse come scelta obbligata (le fabbriche, con le loro certezze di immediati guadagni per i giovani appena in possesso della licenza di scuola media inferiore pullulavano nel settentrione ove apportavano ricchezza economica ma povertà culturale); ma poi si è virtuosisticamente ed endemicamente diffuso, producendo, così, ottimi risultati.”

“E allora basta con questa becera e squalliduccia tendenza di certa stampa che fonda la sua audience sull’effetto di epiteti facili e volgari! A noi Docenti meridionali – proseguono – non interessa competere con gli altrettanto validi e meritevoli Colleghi del nord e non gradiamo il turpiloquio, senza contare che al Nord lavorano moltissimi nostri conterranei che contribuiscono da docenti alla formazione degli studenti e da lavoratori anche molto qualificati alla crescita economica di quei contesti territoriali. Ci basta quindi constatare con un pizzico di soddisfazione che – concludono – quest’anno scolastico siamo stati particolarmente bravi. E con noi, i nostri Studenti”.