Home Generale Il 2 giugno a Torino: letture in streaming e cortometraggi

Il 2 giugno a Torino: letture in streaming e cortometraggi

CONDIVIDI
webaccademia 2020

I tre Atenei piemontesi, l’Università degli Studi di Torino e il Politecnico, l’Università degli Studi del Piemonte Orientale, promuovono il 2 giugno a partire dalle 18 in diretta streaming sui propri portali e sulle rispettive pagine Facebook una “Maratona di letture”.

La manifestazione, alla quale aderiscono il Teatro Regio del capoluogo piemontese e il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino, si svolgerà nel cortile del Rettorato.

Il tema centrale sarà quello della libertà e docenti, studenti, personale e autori, dopo i saluti ufficiali che inaugureranno la maratona di letture da parte del Rettore Stefano Geuna, si alterneranno nel dare voce a testi classici e contemporanei.

ICOTEA_19_dentro articolo

Tra musica e parole i vari lettori passeranno da Shakespeare a Dante, da Gaber a Jovanotti, per citarne alcuni. Al termine vi sarà l’esibizione dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino che seguiranno il celeberrimo “Và pensiero” dal Nabucco.

L’iniziativa dei tre atenei si inserisce nell’ambito di una serie d manifestazioni, a cui hanno dato il contributo l’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, la Giunta e il Consiglio Regionale, che vanno sotto il nome di “#iocicredoperchè”, che a partire dalla 10 del 2 giugno darà diffusione a due cortometraggi, uno che dà il titolo all’evento nel quale in 25 tra docenti, medici, studenti e lavoratori di altri settori spiegheranno “perché ci credono”, riferendosi ai valori democratici che hanno dato vita alla Repubblica Italiana 74 anni fa.

L’altro cortometraggio, “Vignettisti e bambini raccontano la Costituzione”, è una rassegna di opere inedite di artisti e giovani studenti, ispirati anche loro ai temi della libertà e della Costituzione.

Il 2 giugno sarà anche la data ufficiale della riapertura del Museo della Resistenza, della deportazione, della guerra, dei diritti e della liberà, dopo i lunghi mesi di chiusura dovuti all’emergenza sanitaria internazionale.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese