Home Politica scolastica Il 5 maggio Maria Marzana (M5S) sfilerà a Catania

Il 5 maggio Maria Marzana (M5S) sfilerà a Catania

CONDIVIDI

“Parteciperò alla manifestazione di protesta che domani si svolgerà a Catania per dare un forte segnale di sostegno al mondo della scuola. La scuola pubblica è in grande pericolo e ha bisogno della partecipazione di tutti i cittadini, attivisti, personale della scuola, famiglie, studenti, per essere difesa”: a dirlo è l’on. Maria Marzana del Movimento 5 stelle.

Guerini

Secondo la deputata ‘grillina’, la presenza a fianco dei lavoratori della scuola e degli studenti è giustificata dalla “mancanza di nuove risorse per la scuola pubblica, agevolazioni per la scuola privata, annientamento di trasparenza e democrazia”, che sarebbero solo “alcune delle criticità che presenta il disegno di riforma della scuola del governo”.

Icotea

“Noi siamo da sempre al fianco dei cittadini, abbiamo già preso parte ad altre manifestazioni a difesa della scuola e per l’occasione mi recherò in pullman in Piazza Europa e prenderò parte alla manifestazione di Catania assieme a docenti, assistenti amministrativi, collaboratori scolastici, genitori e studenti che manifesteranno il loro dissenso contro il disegno governativo di riforma della scuola. Il mondo dell’istruzione, continua Marzana, contesta il nuovo ruolo del dirigente che decide su tutto, su assunzione e valutazione dei docenti e sulla scelta delle attività didattiche, annullando la libertà d’insegnamento, le decisioni collegiali e aprendo al rischio del fenomeno clientelare. Inoltre le agevolazioni fiscali ai singoli istituti accentueranno il divario tra quelli presenti nelle zone economicamente sviluppate e quelli presenti in territori meno avvantaggiati, poi le mancate risorseper gli organici e i sevizi di istruzione, come la mensa, il trasporto scolastico e l’assistenza ai disabili, continueranno ad ostacolare il regolare funzionamento delle scuole”.

 

 

{loadposition eb-progetti}

 

 

“Il M5S, conclude Marzana, ha proposto alla Camera centinaia di modifiche allo scopo di stravolgere l’impianto del disegno di legge e ha avanzato numerose proposte per scuole sicure, l’assunzione di tutti i precari, l’innovazione didattica, la riduzione del numero di alunni per classe. Di contro maggioranza e governo hanno ridotto l’esame del provvedimento ad una farsa con l’imposizione di tempi e modalità che non permettono di intervenire per modificare il testo e che mortificano ampiamente il lavoro parlamentare e mancano di rispetto a tutto il mondo della scuola. La scuola pubblica ha bisogno di ciascuno di noi, non permettiamo a questo governo di distruggerla”.

Il Movimento 5 stelle ha fatto sapere che scenderà in piazza a supporto del mondo della scuola nelle manifestazioni organizzate, con i suoi rappresentanti, anche in altre piazze italiane.

 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola