Home Politica scolastica Il bonus per i docenti servirà per dare più soldi agli Ata?

Il bonus per i docenti servirà per dare più soldi agli Ata?

CONDIVIDI

Il documento sindacale su merito e comitati di valutazione è una vera e propria miniera di informazioni utili a fare qualche ipotesi sugli scenari futuri della contrattazione di istituto.

Un passaggio interessante del documento riguarda il calcolo delle risorse disponibili per il contratto. 
Secondo i sindacati le somme destinate al bonus vanno aggiunte a quelle “ordinarie” del FIS; a questo punto l’intero “tesoretto” dovrebbe essere suddiviso fra personale docente e personale Ata (ricorrendo probabilmente le stesse percentuali già utilizzate fino ad ora).
Facciamo un esempio concreto: la scuola X dispone di 100mila euro di FIS e di 20mila di bonus; finora il FIS è stato ripartito assegnando il 75% ai docenti e il 25% al personale Ata (e quindi 75mila euro ai docenti e 25mila agli Ata); se adesso i 120mila euro complessivamente disponibili venissero ripartiti allo stesso modo ai docenti spetterebbero 90mila euro e agli Ata ne andrebbero 30mila. 

Icotea

 

{loadposition bonus_1}

In pratica con questo meccanismo, il bonus avrebbe l’effetto di far aumentare la quota a disposizione del personale Ata.
Sarebbe anche questo un modo per vaniificare almeno in parte l’attuazione della legge 107 che stanzia i soldi del merito non per aumentare in modo generico i fondi contrattuali ma per rendere disponibile nelle scuole una quota aggiunta da utilizzare per “premiare” un certo numero di docenti.

TUTTE LE NOTIZIE SUL CONCORSO ANCHE SU TELEGRAM!

Telegram