Home I lettori ci scrivono Il concorso docenti e la disparità di trattamento

Il concorso docenti e la disparità di trattamento

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Siamo un centinaio di docenti specializzati all’Università di Roma Tre per svolgere attività di sostegno didattico agli allievi con disabilità.
Lo Stato ci ha permesso di poter partecipare con riserva al concorso docenti 2018, per la formazione di una graduatoria regionale (FIT 2018), subordinando la validità delle prove concorsuali all’effettivo conseguimento del titolo entro il 30/06/2018. E noi abbiamo rispettato i termini, specializzandoci entro la data indicata.
Ore le varie Commissioni regionali, in sede di valutazione titoli per costruire la graduatoria concorsuale sui posti di sostegno, non vogliono riconoscerci il pieno punteggio che ci spetterebbe per diritto in base alla tabella titoli allegata al decreto del concorso.
Si tratta di 34 punti su 100 (max 15 in base al punteggio della specializzazione e 19 punti perché c’è stata una selezione concorsuale).
Come noi, nella stessa situazione si ritrovano tutti gli specializzati di questo III ciclo usciti questo anno dalle varie università italiane che hanno erogato i corsi.
Grave è il danno che denunciamo per la disparità di trattamento rispetto ai candidati colleghi specializzatesi nei cicli precedenti rispetto a cui finiremo ingiustamente in coda.

Docenti specializzati sul sostegno all’università Roma 3

Preparazione concorso ordinario inglese