Home I lettori ci scrivono Il grido di aiuto delle scuole paritarie: non siamo invisibili

Il grido di aiuto delle scuole paritarie: non siamo invisibili

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Noi di “Bonvesin” ci siamo attivati con tutti i mezzi a nostra disposizione per sensibilizzare famiglie e studenti, per far sentire anche la nostra voce nei due giorni di maratona “NOISIAMOINVISIBILI”.

La nostra scelta di scuola salesiana è stata di non interrompere le regolari video-lezioni ed essere vicini alle famiglie, per continuare a offrire il nostro servizio didattico-educativo e valoriale attraverso il legame con i nostri studenti e per promuovere il senso di appartenenza alla “comunità-scuola”.

Nel sito della scuola abbiamo aperto la sezione dedicata “NOISIAMOINVISIBILI” dove sono stati inseriti comunicati, informazioni-formazioni mirate, petizioni e video di sensibilizzazione realizzati dagli studenti.

ICOTEA_19_dentro articolo

Come docente, sono entrata nelle mie classi “virtuali” per informare gli studenti sulla situazione di grave difficoltà che stanno attraversando le scuole paritarie oggi, per farli sentire partecipi sulla discriminazione che stiamo subendo e sulla necessità e l’urgenza di fare sentire il nostro “rumore educativo e costruttivo”.

Grazie alla catena molto forte dei rappresentanti di classe degli studenti, abbiamo diffuso il comunicato FMA “La sopravvivenza delle scuole paritarie è messa a rischio dall’emergenza coronavirus” e chiesto l’invio di una mail al governo e al Ministero della Pubblica Istruzione in vista del voto in Parlamento sugli emendamenti pro-scuole paritarie al ‘Decreto Rilancio’ (che si è svolto il 19-20 maggio).

La scuola paritaria deve tornare a far rumore per resistere, per continuare a essere quel patrimonio culturale, quella ricchezza, quel valore aggiunto per tutto il nostro sistema educativo.

Docente scuola IMA Milano

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese